Università, cancelli chiusi alle 16.30? La proposta non piace agli studenti

Raccolta firme dei ragazzi di Link contro l'ipotesi di anticipare al pomeriggio la chiusura delle strutture universitarie. Il sidnacato studentesco chiede al contrario un prolugamento degli orari di apertura: "Metteteci a disposizione più spazi"

Strutture universitarie chiuse alle 16.30. L'ipotesi al vaglio dell'amministrazione non piace affatto agli studenti di Link, che hanno lanciato una raccolta firme per chiedere al Rettore di non adottare il provvedimento.

Con la petizione, e la campagna "Fateci spazio", gli studenti mirano invece a chiedere un prolungamento degli orari di apertura di aule e laboratori. "Costa troppo avere degli studenti nelle aule a fare lezione, a studiare nelle sale lettura ed impegnarsi nei laboratori. Gli studenti e la loro formazione sono un capitolo di spesa, niente di più - commentano i ragazzi di Link in una nota -  Noi crediamo, invece, che questi non siano settori su cui si possano fare tagli e che l’Amministrazione dovrebbe rivedere le sue scelte. Bisognerebbe prolungare gli orari di apertura delle strutture per far vivere le potenzialità della comunità accademica a pieno regime; risolvere il problema della sicurezza, infatti uno spazio vissuto da molti studenti non è uno spazio a rischio; risolvere il problema della carenza di spazi per studiare".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nella loro proposta, gli studenti chiedono l’apertura del Palazzo ex Poste fino alle 23.00, anche di sabato e domenica, e quella del Palazzo delle aule del campus anche di sabato; il ripristino del sesto e settimo piano del Palazzo del Prete (giurisprudenza e scienze politiche) e la destinazione di alcuni spazi a sale studio e spazi autogestiti per gli studenti e ad aulette per i dottorandi; l’apertura di tutte le aule di tutte le strutture universitarie oltre gli orari di lezione; infine, l'apertura dell'ex Palazzo dell'Enel, inaugurato ma mai utilizzato, in cui dovrebbero essere trasferiti gli uffici dall'ateneo in modo da liberare aule e spazi da riservare all'attività didattica o di studio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piccioni su balconi e grondaie: i sistemi per allontanarli da casa

  • Uccide fidanzato della ex, accoltella la ragazza e il padre della vittima. arrestato 26enne a Bitetto

  • Pestato brutalmente per strada, morto dopo due giorni di agonia in ospedale. arrestato pregiudicato al San Paolo

  • Operatrice positiva al Covid, chiude asilo nido a Bari

  • Positiva al covid rompe la quarantena ed esce a fare la spesa: denunciata una donna nel Barese

  • A Bari vecchia 38 positivi al Covid e Decaro mette in guardia i residenti: "A breve confronto con i gestori dei locali"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento