rotate-mobile
Cronaca

Vaccini, avvio col botto per la campagna 5-11 anni: 3mila somministrazioni in un giorno

La Manzari - Galilei è stata tra le prime scuole a mettere a disposizione i propri spazi, vaccinando 150 alunni. I dati della campagna

Migliaia di adesioni in Puglia per  la campagna vaccinale pediatrica. Circa 3mila sono i bambini 

Grande adesione delle famiglie pugliesi alla campagna pediatrica vaccinale contro il Covid. Circa 3000 bambini fra i 5 e gli 11 anni in Puglia che hanno ricevuto oggi la prima dose. In tutta la regione sono stati attivati percorsi vaccinali nei centri di cura e negli ospedali per accogliere i bambini fragili, dall’altro le scuole da questo pomeriggio sono diventate hub per assicurare le somministrazioni ai più piccoli in un ambiente familiare e accogliente. E sono al lavoro anche i pediatri di libera scelta che possono vaccinare nei loro studi.

Una delle prime scuole che ha messo a disposizione i propri spazi a Bari è stato l’istituto comprensivo Massari Galilei dove sono stati vaccinati nel pomeriggio 150 alunni della primaria e secondaria di primo grado.  A seguire l’avvio delle vaccinazioni scolastiche il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano che ha voluto ringraziare il mondo della scuola: “Sono qui per ringraziare la scuola pugliese che sta collaborando ad un atto importantissimo per la salute dei nostri bimbi e delle nostre bimbe  - ha dichiarato Emiliano nel corso del punto stampa - e che tende a rafforzare ulteriormente la nostra resistenza al Covid e alle sue varianti. È una decisone presa in tutto il mondo quella di vaccinare anche da 5 a 11 anni – ha aggiunto - è una decisione da prendere informandosi con i propri pediatri ed è importante per la salvaguardia della salute dei nostri bambini”.

Il presidente della Regione ha poi spiegato meglio la scelta di usare gli spazi scolastici per accogliere i bambini da vaccinare. “La scuola ha offerto questa disponibilità che ci consente di vaccinare i bimbi in un ambiente non estraneo – ha proseguito Emiliano - di far vedere loro volti conosciuti, di essere accompagnati dai genitori in un posto che non ha l’aspetto di una struttura sanitaria e che limita moltissimo tutte le ansie e le paure che i bambini legittimamente hanno e che tutti abbiamo avuto a quella età nei confronti delle vaccinazioni. Crediamo che questa scelta molto originale – ha concluso - perché siamo stati gli unici in Italia a prendere questa decisione, stia dando buoni risultati. Grazie a tutti, alle famiglie e a Dirigenti, personale scolastico, sanitario e di protezione civile”.

Alla Massari Galilei le procedure si sono svolte regolarmente: tre i box vaccinali creati nelle aule al piano terra, la biblioteca si è trasformata in sala preparazione e per allietare l’attesa dei più piccoli sono stati organizzati giochi e disegni con le Insegnanti. Dodici gli operatori del Dipartimento di prevenzione della ASL di Bari, tra medici, infermieri e assistenti sanitari che hanno seguito i bambini e le famiglie nel percorso vaccinale.

Per l’assessore regionale all’Istruzione Sebastiano Leo, “la scuola si conferma una grande squadra - ha detto - grazie a un'organizzazione perfetta i bambini sono arrivati serenamente al vaccino accompagnati dai genitori.  È evidente che è stata fatta la scelta giusta e la presenza numerosa dei bambini con i loro genitori ne è la prova - prosegue l’assessore - Grazie a tutti per il grande lavoro che è appena cominciato, ai genitori, ai piccoli, pazienti e coraggiosi. Insieme vinceremo!”.

Più di mille vaccinazioni sono state organizzate nel pomeriggio di avvio della campagna pediatrica dalla Asl di Bari con 9 punti vaccinali distribuiti sul territorio provinciale. “Abbiamo riscontrato una ottima adesione già dall’avvio della campagna vaccinale pediatrica - commenta il dg della ASL di Bari, Antonio Sanguedolce - oggi pomeriggio con le prime mille somministrazioni e oltre tremila programmate nel fine settimana con più di venti istituti coinvolti. I numeri ci fanno sperare in una elevata copertura - continua Sanguedolce - e le famiglie stanno rispondendo con grande sensibilità per proteggere quanto prima i propri figli. Tutte le scuole saranno chiamate a partecipare alla campagna vaccinale - spiega il direttore generale -continueremo ad assicurare tutte le somministrazioni scuola per scuola nelle sedi più adeguate. Ringrazio infine il mondo della scuola che sta fornendo un grande supporto organizzativo e logistico per far sì che le operazioni si svolgano regolarmente e in sicurezza per i bambini”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vaccini, avvio col botto per la campagna 5-11 anni: 3mila somministrazioni in un giorno

BariToday è in caricamento