Reperti archeologici e beni d'antiquariato venduti online, 27 denunce: coinvolti professionisti baresi, gli oggetti "custoditi in lussuosi appartamenti"

L'operazione condotta da carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio culturale di Bari: tra i denunciati medici, avvocati, imprenditori e antiquari che utilizzavano siti web per commercializzare i pezzi illecitamente detenuti

Utilizzavano piattaforme  di ecommerce per mettere in vendita pregiati pezzi di antiquariato, armi antiche, importanti reperti o frammenti archeologici, di cui erano illecitamente in possesso. Un'attività, quella scoperta dai carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Bari, in cui sono risultati coinvolti perlopiù professionisti (medici, avvocati, imprenditori e antiquari), in gran parte baresi, insieme ad alcuni foggiani. 27 in tutto le persone denunciate, per reati quali ricettazione, impossessamento illecito di beni culturali, alienazione illecita di beni culturali e detenzione abusiva di armi antiche.

Le indagini e le perquisizioni: i beni custoditi in lussuose abitazioni

L’attività dei militari del Comando Tutela Patrimonio Culturale, guidati dal maggiore Giovanni Di Bella, è avviata negli ultimi sei mesi del 2019. I carabinieri hanno portato avanti un vero e proprio "pattugliamento telematico" sia dei siti web alle compravendite di oggetti d’arte, che di quelli relativi alle compravendite di immobili. Così, anche attraverso le foto pubblicate sui siti per la compravendita di case, i carabinieri sono riusciti ad individuare lussuose abitazioni in cui i reperti erano custoditi ed esposti. In alcuni casi - sottolineano gli investigatori -  i reperti facevano bella mostra di sè in apposite teche o vetrine.

Gli oggetti recuperati

Sono quindi scattate le perquisizioni che hanno consentito il recupero di 140 reperti archeologici databili tra il III ed il IV sec. a.C., circa 200 frammenti (prevalentemente parti di corredi funerari provento di scavi clandestini, in gran parte riconducibili all'area della Magna Grecia) e 30 armi antiche, tra cui spicca un cannone del XVI secolo. I preziosi oggetti rinvenuti, dopo le attività tecniche che ne hanno stabilito l’autenticità, sono in attesa del provvedimento di confisca che li farà entrare nel Patrimonio Culturale dello Stato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

(foto di repertorio)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piccioni su balconi e grondaie: i sistemi per allontanarli da casa

  • Regionali Puglia 2020, chiusi i seggi nella prima giornata di voto: corsa a otto per la presidenza

  • Chiude dopo più di 20 anni il Disney Store di via Sparano a Bari: a rischio 13 lavoratori, proclamato sciopero

  • Positiva al covid rompe la quarantena ed esce a fare la spesa: denunciata una donna nel Barese

  • Operatrice positiva al Covid, chiude asilo nido a Bari

  • A Bari vecchia 38 positivi al Covid e Decaro mette in guardia i residenti: "A breve confronto con i gestori dei locali"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento