Cronaca Murat / Via Argiro

Chocolando, la manifestazione trasformata in un pasticcio

Prima le multe a chi stava allestendo il proprio gazebo in via Argiro. Poi la conferenza stampa fantasma. In fine la Circoscrizione che ha scaricato la responsabilità sul Comune. Storia dell'inizio della campionaria dedicata ai dolci

Il pasticcio è fatto e visto che stiamo parlando di dolci, termine non può essere più azzeccato. Un pasticcio che è iniziato dalle prime ore di questa mattina e che forse non si spegnerà nelle prossime ore, neppure domenica, quando tutto sarà finito.

Il tema è quello di Chocolando, la manifestazione dedicata ai ‘peccati di gola’ che sta prendendo piede, al momento in cui scriviamo, nella nuova strada pedonale del centro di Bari, via Argiro. Tutto è iniziato stamattina: giornalisti convocati in sala Giunta di Palazzo di Città per la presentazione della campionaria ma nessun rappresentante dell’organizzazione presente. E i cronisti così hanno abbandonato la scena. Ok.

Mentre tutto questo stava prendendo piede, a pochi isolati da via Roberto da Bari, pare che siano fioccate multe. In via Argiro, infatti, i rivenditori stavano allestendo le loro bancarelle quando la municipale sarebbe intervenuta per verbalizzare i parcheggi inadeguati dei mezzi, auto e camion. Il perché? E’ presto detto. Secondo il cartaceo con la disposizione grafica dei vari stand, i gazebo sarebbero dovuti essere 28 ma a Bari ne sono arrivati solo 17, forse per maltempo. E vabbè. Poi? Gli isolati predisposti al parcheggio dei mezzi di carico e scarico sarebbero dovuti essere, sulla carta, tre, ma alla fine se ne sono ritrovati due. Così, sembrerebbe che 4 camion parcheggiati in quell’ultimo isolato tra corso Vittorio Emanuele e via Putignani si son visti il verbale sul cruscotto.

Insomma, l’organizzazione della campionaria non è partita con il piede giusto: al forfait in conferenza stampa della direttrice Tiziana Noia, e alle multe su via Argiro, si aggiunge anche la polemica del presidente della Circoscrizione San Nicola – Murat, Mario Ferorelli, che si tira fuori dai giochi: “E’ la prima volta che il Comune ha la responsabilità di dare l’autorizzazione di occupazione di suolo pubblico a questo tipo di manifestazioni, autorizzazione che di solito diamo noi come Circoscrizione. Il fatto che tutto stia funzionando male è emblematico. E questo è il risultato”.

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chocolando, la manifestazione trasformata in un pasticcio

BariToday è in caricamento