Martedì, 27 Luglio 2021
Cronaca Japigia / Via Caldarola

Via Caldarola, le radici degli alberi rompono l’asfalto. I residenti: “Speriamo non ci scappi il morto”

Situazione davvero pericolosa per una delle più importanti arterie stradali della città. Dossi e rigonfiamenti occupano parte della carreggiata a scorrimento veloce

Una corsia è pressoché inutilizzabile. Anche i marciapiedi ne stanno risentendo. Le radici dei pini tracimano giorno dopo giorno con un danneggiamento progressivo dell’asfalto di via Caldarola, importante arteria della viabilità cittadina.

Una situazione che pone diverse difficoltà alla circolazione, dato che l’avanzare delle radici sta rendendo non fruibile una parte del manto stradale. Senza dimenticare che sempre su via Caldarola sta convergendo parte del traffico proveniente da via Gentile, da lunedì interrotta per alcuni isolati a causa dei lavori di ripristino di una condotta fognaria, andata in tilt nella notte di domenica.

“Abbiamo visto alcuni motorini volare – racconta un commerciante della zona – Arrivano a velocità sostenuta e i rigonfiamenti dell’asfalto fanno perdere il controllo del mezzo: speriamo non ci scappi il morto”. La questione fu  sollevata già nella scorsa primavera dal consigliere circoscrizionale Claudio Sgambati che invitò il Comune a procedere con celerità al rifacimento del manto stradale.

LA RISPOSTA DI DECARO: "POSSIAMO SOLO RATTOPPARE"

In prossimità della chiesa “Resurrezione” all’avanzare delle radici si sovrappongono le buche e la disconnessione dell’asfalto provocato dai rattoppi che nel tempo sono stati realizzati. “Sono anni che abbiamo questi problemi – racconta Luigi C., 62enne, appena uscito da un supermercato della zona -. Avrebbero dovuto piantare alberi adeguati, la manutenzione dell’asfalto non esiste, preferiscono solo intervenire in caso di emergenza”. Forse sarebbe il caso di farlo anche ora.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via Caldarola, le radici degli alberi rompono l’asfalto. I residenti: “Speriamo non ci scappi il morto”

BariToday è in caricamento