Agguato al quartiere San Pasquale, ucciso un 21enne

Alessandro Marzio è stato freddato a colpi di pistola ieri pomeriggio a pochi passi dalla sua abitazione in via dei Mille. Il ragazzo era incensurato, ed è mistero sul possibile movente dell'omicidio

E' stato freddato da una raffica di colpi di pistola mentre camminava a piedi nei pressi della sua abitazione. Un'esecuzione in stile mafioso quella avvenuta ieri pomeriggio in via dei Mille, angolo via Postiglione, nel quartiere San Pasquale. Vittima un ragazzo di 21 anni, Alessandro Marzio, incensurato.

Il ragazzo è stato raggiunto da una raffica di colpi di pistola (15 i bossoli ritrovati sul posto dai carabinieri) mentre si avviava a piedi verso la sua moto, parcheggiata sotto casa, nei pressi della scuola "Cirillo". Alessandro sarebbe stato avvicinato da una persona, probabilmente con il volto coperto da un casco da motociclista, che avrebbe fatto fuoco a bruciapelo per poi fuggire a piedi e raggiungere un complice, che lo attendeva poco distante a bordo di una moto. Alessandro è stato colpito in più parti del corpo, e si sarebbe subito accasciato al suolo.

Sul movente dell'agguato è mistero fitto. A carico di Alessandro, che non aveva precedenti penali, pare ci fossero solo due segnalazioni all'Autorità giudiziaria come consumatore di droghe, ma non è ancora chiaro se il ragazzo fosse in qualche modo legato alla criminalità barese.  Gli investigatori non escludono comunque una possibile correlazione tra l'uccisione di Alessandro e l'omicidio del boss Cesare Diomede, avvenuto due mesi fa a poca distanza dal luogo dell'omicidio di Marzio.

Sul luogo dell'agguato sono accorsi immediatamente i genitori e la fidanzata del 21enne. Disperata, la ragazza ha ripetuto più volte di non riuscire a darsi una spiegazione per quanto accaduto. L'omicidio sarebbe avvenuto praticamente sotto gli occhi del papà di Alessandro, che dopo aver sentito i colpi di pistola si è affacciato alla finestra, vedendo qualcuno fuggire a piedi. Poi, scendendo in strada, ha trovato il figlio riverso sull'asfalto.

Nella notte gli investigatori hanno già ascoltato alcuni possibili testimoni, e alcune persone sarebbero state anche sottoposte alla prova dello stub per individuare eventuali tracce di polvere da sparo. I carabinieri stanno cercando inoltre di acquisire i filmati registrati dalla telecamera di sorveglianza di un'agenzia di viaggi in via Postiglione.

Potrebbe interessarti

  • Cos'è la Malmignatta e cosa fare in caso di morso

  • Come tenere puliti e privi di germi e batteri i bidoncini della spazzatura

  • Forno a microonde, quali sono i reali rischi per la salute?

  • ''La Uascèzze''

I più letti della settimana

  • Domatore ucciso dalle tigri, la titolare del circo: "Non è stato sbranato, ferita accidentale"

  • Il quartiere Libertà piange Fransua: cordoglio e messaggi di ricordo sui social

  • Punta la pistola contro universitari e pretende di parcheggiare: "Toglietevi da lì", paura per 3 ragazzi a San Pasquale

  • Da Giovinazzo a Fesca trasportata dal mare mosso: gabbia per l'allevamento pesci recuperata dalla Guardia Costiera

  • In arrivo un'altra ondata di maltempo: allerta arancione per martedì, previsti temporali e grandine

  • Furbetti del cartellino all'ospedale San Giacomo di Monopoli: i nomi dei 13 arrestati

Torna su
BariToday è in caricamento