menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sottopassaggio "sporco e insicuro": "In via Dieta di Bari resta il degrado"

La denuncia di FI sulle condizioni di degrado in cui versa il sottopasso pedonale che collega il quartiere Madonnella con via Capruzzi

Degrado, abbandono, sporcizia e insicurezza "regnano sovrane" nel sottopasso ferroviario che collega via Dieta di Bari con via Capruzzi. La denuncia arriva da Danilo Cancellaro, coordinatore cittadino dei giovani di Forza Italia, che punta il dito contro le condizioni in cui versa il sottopasso, in cui all'incirca un mese fa si sarebbe anche verificato un tentativo di stupro. Inaugurato nell'agosto 2015, il collegamento pedonale è finito più volte al centro delle segnalazioni dei residenti, preoccupati dal crescente degrado.

"Sporcizia e insicurezza: in via Dieta nessun intervento nonostante le denunce"

"Il sottopasso pedonale è in completo stato di abbandono da parte dell'amministrazione comunale e municipale - denuncia Cancellaro - È impossibile che nonostante le innumerevoli denunce nessuno mai sia intervenuto. Il sottopasso molto probabilmente non è stato mai pulito da quando è stato inaugurato e l'ascensore pur funzionante, necessita di mascherine antigas per permetterne l'utilizzo dati gli odori sgradevoli percepibili. A condire il tutto la situazione di insicurezza, la percezione di paura che è peggiore della paura stessa. I cittadini non possono affidarsi alla "fortuna" di qualche buon passante come è accaduto un mese fa circa. Il sindaco è tenuto a intervenire quanto prima con una riqualificazione dello stesso prevedendo altresì un meccanismo di videosorveglianza collegato con gli organi competenti" conclude.

Sisto: "Continueremo a vigilare"

Sulla questione è intervenuto anche il commissario cittadino di Forza Italia, il deputato Francesco Paolo Sisto: "Quelle che sembrano piccole cose, in realtà sono il segnale-spia dei grandi inadempimenti di questa amministrazione comunale. Forza Italia, attraverso il suo agguerrito gruppo di giovani, non è nuova a questo tipo di denunce avendo intrapreso un percorso di vigilanza sui territori, non tralasciando le periferie (ad esempio, degrado dei giardini pubblici di viale Kennedy e viale Papa Pio XII, degrado delle acque della fontana monumentale di corso Cavour e via Nicola Dell'Andro a Poggiofranco, precario servizio di raccolta rifiuti e taglio sterpaglie in zone quali San Girolamo o San Pasquale) e, al fine di stimolare i rimedi, continuerà a vigilare, segnalare e, se occorrerà , denunciare. Il tutto nel mentre si pretende di governare la Città giocando a carte con i cittadini".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento