Martedì, 26 Ottobre 2021
Cronaca Murat / Via Sparano da Bari

Via Sparano, cartello con parolaccia contro il sindaco. Decaro: "Bari non può fermarsi"

Il primo cittadino risponde all'insulto e a un poco beneaugurante auspicio scritti sull'affissione appesa a una delle recinzioni collocate nei giorni scorsi: "Spero di poter incontrare chi ha predisposto il tutto"

Insulti e un poco propizio augurio al sindaco di Bari, Antonio Decaro, sono comparsi su un cartello appeso a una delle recinzioni dei vasconi di via Sparano, in vista dei lavori di restyling, i cui interventi preparativi sono già cominciati La scritta non lasciava spazio a interpretazioni: "Caro sindaco di merda, ti auguro un bel (sic) arresto per Natale". Il primo cittadino, in un video, ha voluto commentare l'episodio: "Ho rinvenuto l'affissione mentre effettuavo dei sopralluoghi sul cantiere. Sono abituato agli improperi anche sui social. Questo cartello però mi fa pensare che questo architetto stia augurando l'arresto della città, cioè che Bari si fermi e ciò non è possibile." 

IL VIDEO: SUL CARTELLO SPUNTA LA SCRITTA "CARO SINDACO DI M..."

Secondo Decaro, "l'architetto mette in discussione una delle regole fondamentali del vivere civile. Chi non la pensa come me, invece, non è un delinquente che va arrestato ma un interlocutore. Spero di poterlo incontrare. Ci saranno altre opere pubbliche e continuero a fare quello per cui sono stato eletto, ovvero migliorare Bari, aprire e chiudere al più presto i cantieri. Questa città va amata ma non a chiacchiere. Abbiamo inaugurato da poco un ponte importante, aperto parchi, l'Urban Center all'interno della Caserma Rossani, Porta Futuro e procedono i lavori del Waterfront di San Girolamo. Su via Sparano abbiamo riaperto la partecipazione del progetto a cittadini, residenti, comemrcianti, recependo le indicazioni. Il tempo però è scaduto, il futuro non aspetta".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via Sparano, cartello con parolaccia contro il sindaco. Decaro: "Bari non può fermarsi"

BariToday è in caricamento