menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Via Sparano: Decaro incontra i cittadini, ma il restyling si farà

Al Fortino l'assemblea della 'giunta territoriale'. Il sindaco ha ascoltato i cittadini contrari al progetto e si è detto disposto a raccogliere proposte, ribadendo però che il progetto andrà avanti. Un nuovo incontro annunciato per settembre

Da una parte i comitati del 'no', che hanno ribadito la loro contrarietà al progetto. Dall'altra il sindaco Decaro, che ha ascoltato i cittadini e si è detto pronto ad accogliere proposte, ma ha ribadito che il restyling di via Sparano, per il quale il 7 luglio scorso si è chiusa la gara per l'affidamento dei lavori, si farà.

Dopo mesi di polemiche e i primi faccia a faccia in Comune, ieri pomeriggio al Fortino Sant'Antonio si è tenuta la 'giunta territoriale' monotematica dedicata al progetto di riqualificazione di via Sparano. Un incontro al quale hanno partecipato sia rappresentanti del 'fronte del no' che i favorevoli al progetto di riqualificazione.

Dopo un'attesa durata anni (il progetto dell'architetto Guendalina Salimei vinse il concorso di idee bandito dal Comune dieci anni fa), i fondi per i lavori - 4,6 milioni, provenienti prevalentemente dal Ministero delle Infrastrutture - sono pronti per essere utilizzati. Secondo i piani del Comune, il cantiere partirà in autunno, per concludersi nella primavera 2018.

Il progetto, con la creazione in via Sparano di una successione di 'salotti tematici', non trova però tutti d'accordo. La principale 'battaglia' dei contrari riguarda l'eliminazione delle 24 palme - che tuttavia, ha ricordato Decaro, saranno impiantate altrove - ma più in generale la scarsità di verde nel progetto, ritenuto troppo freddo e 'cimiteriale'. A ciò si aggiungono anche le preoccupazioni dei commercianti per eventuali ripercussioni negative sulle vendite che il cantiere potrebbe avere, sebbene i lavori saranno eseguiti isolato per isolato, proprio con l'intento di limitare il più possibile i disagi.

Il sindaco ha ascoltato le ragioni del fronte del no, ribadendo il suo essere sempre stato aperto alla partecipazione, e ha espresso la disponibilità ad accogliere proposte e suggerimenti, da valutare "compatibilmente con i pareri della Sovrintendenza e dei progettisti che hanno vinto il concorso". Quello che è chiaro, come del resto già emerso nelle scorse settimane, è che il progetto di restyling non sarà sospeso, come vorrebbero i contrari al progetto. Un nuovo momento di confronto con i cittadini, ha promesso Decaro, si terrà  a settembre, prima dell’avvio dei lavori. 

Sulla questione via Sparano e sull'incontro di ieri è intervenuta, con una nota, la consigliera comunale di opposizione Irma Melini, che parla di "Giunta territoriale da show". "Sembra quasi che questo progetto sia stato calato dall'alto e che il Sindaco, Assessore per 10 anni, non ne abbia responsabilità". "La gente parla, cerca di spiegare l'importanza del mantenimento del verde pubblico, nessuno ammette che è stato dimezzato, oppure che quel poco che c'è sarà solo sulle vie traverse. La verità è che la dialettica politica vince sulla verità e sul sentimento dei baresi". "Io dal canto mio - conclude la consigliera - la settimana prossima depositerò un parere pro veritate del Prof. Ing. Piero Masini, che chiarisce quanto affermato dal Comandante dei Vigili del Fuoco, ovvero la necessità di non modificare la viabilità oggi garantita, ma messa in discussione dalla mancata regolamentazione dei gazebo".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento