menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'area 'contestata' prima dell'intervento di riduzione della pendenza

L'area 'contestata' prima dell'intervento di riduzione della pendenza

Via Sparano 'pendente', al via le modifiche sul primo isolato: "Ultimate in dieci giorni"

Sono cominciati gli interventi per ridurre la ripidità del percorso: sarà fatto ruotare il piano della pavimentazione con uno spostamento della canalina per lo scolo dell'acqua

Ci vorrà circa una decina di giorni per completare le modifiche alla pavimentazione del primo isolato della 'nuova' via Sparano, a ridosso di piazza Umberto, dopo le polemiche dei giorni scorsi sulla 'pendenza' della strada con conseguenti difficoltà per anziani e disabili in carrozzina. Il Comune e l'impresa di costruzione hanno coordinato gli interventi che ridurranno la ripidità per un tratto di strada di circa 40 metri, dalla Biblioteca 'Ricchetti' fino all'incrocio con il giardino umbertino. I tecnici di Palazzo di Città fanno sapere che sarà fatto ruotare il piano su cui saranno collocate le basole, con un rialzo fino a 17 cm della canalina di scolo dell'acqua. Di conseguenza, i mattoni potranno essere rialzati, permettendo un dimezzamento della pendenza, dal 6 al 3% circa. Un lavoro non facile e meticoloso, cominciato ieri pomeriggio e proseguito questa mattina sotto gli occhi di tecnici e consiglieri comunali.

Proprio questa mattina si è svolto il sopralluogo della Commissione Lavori Pubblici di Palazzo di Città, per verificare lo stato dell'arte, non senza osservazioni critiche: "Il rifacimento del primo isolato evidenzia le gravi e tante difficoltà che stiamo incontrando per la realizzazione del più che contestato Progetto Salimei -afferma la consigliera Irma Melini (Scelgo Bari - Misto) - . Mi chiedo come sia possibile che l'assessore Galasso, proprio in qualità di tecnico, non sia intervenuto prima della posa in opera delle nuove basole, che oggi sta facendo rimuovere con un costo reale in termini economici e di tempo, soprattutto per i commercianti fin troppo penalizzati dal cantiere. Il sopralluogo -prosegue - d'altronde, ha evidenziato che la pendenza realizzata per il primo tratto è sicuramente un problema per i diversamente abili così come la pavimentazione è troppo scivolosa per tutti coloro che vi camminano. Difetti questi ultimi lamentati immediatamente dagli inascoltati esercenti e dai residenti, ma ammessi solo quando è esploso il "caso mediatico". È evidente che il fallimento di questa Amministrazione è sotto gli occhi di tutti".

Negativo anche il commento del consigliere Domenico Di Paola (Impegno Civile): "L'opera è un salto troppo grande fra la storia di quella strada e ciò che si vuole realizzare. Questo grande salto è stato fatto rilevando solo 3 sezioni per isolato. Una valutazione questa troppo riduttiva visto che ogni portone ha una sua quota diversa e questo è riscontrabile ad occhio nudo. Per questo continua il nostro approfondimento anche confrontando le quote del progetto esecutivo della Salimei con le quote rilevate sabato scorso dall'impresa De Marco." 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento