menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"No a questo restyling per via Sparano": avviata la raccolta firme

Presentata l'iniziativa da parte del comitato di residenti e commercianti che attaccano: "Quale futuro per i gazebo e i tavolini?". La consigliera comunale Melini: "Lunedì audizione di Galasso a Palazzo di Città"

Una petizione per fermare il contestato restyling della strada simbolo del Murattiano: questa mattina il comitato #salviamoviasparano ha presentato ufficialmente la raccolta firme chiedendo una pausa di riflessione al Comune, dopo la presentazione, aclcune settimane fa, del progetto esecutivo e dell'avvio della bando di gara. Nella sede dell'associazione, in via Dante, si sono riuniti i promotori che , si legge nella petizione "vorrebbero essere ascoltati sul futuro di Via Sparano dal sindaco Decaro, anche perché non convocati nelle precedenti riunioni; fra questi molti sono i commercianti che hanno investito sui gazebo esterni, così come prescritti da questa Amministrazione; non ultimo, anche la Consulta comunale per l'Ambiente vorrebbe esprimere un parere in merito alla grave carenza di verde". La petizione sarà firmabile in numerosi negozi del centro e della città.

Sulla vicenda è intervenuta anche la consigliera comunale Irma Melini (Scelgo Bari), a quale ha convocato per lunedì mattina un'audizione dell'assessore Galasso in commissione Lavori Pubblici a Palazzo di Città: "Si chiariranno, spero, alcuni punti dolenti dell'iter amministrativo e procedurale della riqualificazione di Via Sparano. E' evidente che sono state sottratte risorse alle periferie per riqualificare la via centrale, ma che poi questo progetto debba vedere completamente annullata quota di verde è troppo. Solo 60 mq di fioriere, quindi nessuna alberatura, per una via che non favorisce neanche la socializzazione e il commercio

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento