menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Non toglieteci le palme": via Sparano, il restyling delle polemiche

Voci e pareri dalla strada dello shopping, commercianti e frequentatori concordi: "Il progetto è brutto e snatura l'identità di una via simbolo". Timori per la durata dei cantieri

"Se ci tolgono le palme dove andremo? Ve la immaginate via Sparano grigia e piena di cemento?" Per ora no, all'ombra di una delle piante che adornano le panchine della strada-vetrina per eccellenza di Bari. Tra qualche mese chissà, quando, a tardo autunno, dovrebbero cominciare i lavori del tanto contestato restyiling, su cui il Comune sembra deciso a non fare marcia indietro. Solo allora, forse, potranno concretizzarsi i cattivi pensieri degli abituali frequentatori della via, poco entusiasti del cambiamento: "E' un progetto brutto" raccontano alcuni anziani seduti sulle panchine a due passi dalla chiesa di San Ferdinando, sul cui sagrato verrà realizzato uno dei salotti previsti dai lavori, quello 'del culto'. "Non hanno chiesto il parere di chi vive via Sparano" critica un altro pensionato, affermando che "servivano più panchine e più verde".

A sentire i commercianti emerge poi un misto di apprensione e sfiducia proprio per l'avvio delle opere, la cui durata sarà, se tutto andrà per il meglio, di circa 16 mesi: "Temiamo di perdere clienti - racconta una negoziante - anche perché quando apriranno i cantieri sarà piuttosto complicato. era proprio necessario un restyling del genere? Non bastava rifare marciapiedi e asfalto? Togliere le palme significa rinunciare all'anima di questa strada". 

Tra residenti, invece, si fanno paragoni (talvolta non calzanti) con le città del Nord Europa: "Solamente da noi - osserva un abitante - si privilegia il cemento. Altrove adoperano legno e altri materiali per valorizzare la propria città. Tutto ciò non ha proprio senso. Mi auguro si fermino prima che sia troppo tardi". Davvero poche le opinioni favorevoli al maquillage, in ogni caso non esenti da critiche: "Sono favorevole - dice un esercente - ma mi preoccupa come verranno svolti i lavori, mi auguro con criterio e velocità". Gli umori e i pareri contrari al restyling avranno voce domani pomeriggio, durante la 'passeggiata' proposta dal gruppo Facebook #salviamoviasparano per conoscere storia, pregi e chicche di una strada "dell'anima" per i baresi, quella che temono venga persa per sempre, sacrificata sull'altare di una ristrutturazione al momento poco compresa da cittadini e commercianti. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Vendita e Affitto

Attico di lusso nel cuore di Bari: un sogno a due passi dal mare dove il fascino dell'antico si sposa all'eleganza del moderno

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento