Via Sparano, voci dal cantiere: "Vuota come via Manzoni", "Senza palme? Sì, al cambiamento"

Tanti contrari e qualcuno favorevole alla riqualificazione della strada più famosa della città: tra le critiche principali la mancanza (per ora) di posti a sedere e il poco verde. Qualcuno però commenta positivamente? "Senza piante l'occhio 'respira'"

Una donna attraversa piazza Umberto e giunge in via Sparano: "Guarda, non ci sono più le palme" afferma con stupore attirando l'attenzione della sua compagnia. Chissà quanti avranno pronunciato e ripetuto questa frase durante i primi giorni del pre-cantiere della riqualificazione che, in circa 400 giorni, cambierà radicalmente la strada 'struscio' per eccellenza di Bari. La prima fase, probabilmente, è quella più traumatica per chi, tra cittadini, residenti, turisti e commercianti, era abituato a sedersi sulle panchine ricavate dai vasconi contenenti le piante, divenute il simbolo di chi si oppone a questo tipo restyling. 

Tra pochi giorni le palme saranno tutte trapiantate altrove (parco 2 Giugno, giardini Isabella d'Aragona, corso Vittorio Emanuele), diventando così un nostalgico ricordo. In tanti non accettano ancora l'eventualità di una strada sgombra dai quadrati di cemento così familiari per i passanti: "Non sapevo dove aspettare un'amica - racconta una ragazza -, non essendoci più un posto a sedere. E' una situazione scomoda e strana. Il progetto? Sembra il memoriale dell'Olocausto di Berlino" aggiunge bocciando causticamente il restauro. Per alcuni, invece, il timore è che il progetto snaturi completamente la strada, azzardando anche previsioni catastrofiche: "Diventerà come via Manzoni - afferma un'anziana - vuota e senza negozi. Dove potremmo sederci? Il sindaco ha decisamente sbagliato, non serviva cambiare".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un altro pensionato la pensa alla stessa maniera: "E' uno schifo. Non hanno pensato minimamente a chi vive la strada ogni giorno". Concorde, un'altra passante: "Togliere le palme è come eliminare un simbolo della città. Non è solo una questione di verde". Da una parte la maggioranza di voci contrarie, dall'altra qualcuno fuori dal coro: "Senza le palme l'occhio 'respira' - afferma una giovane insegnante -  e in un certo senso ci voleva, anche per cambiare un po'. Spero che il risultato finale sia armonioso, senza dimenticare, ovviamente un tocco di colore". Non resta che aspettare i lavori. L'Aqp è già in azione nei pressi di un noto fast food per completare i sottoservizi. Isolato per isolato sarà ultimato il puzzle: da piazza Moro, a Largo Chiurlia ci sarà un unico prospetto, totalmente rinnovato. L'auspicio, per tutti, è ovviamente di non vedere ritardi nell'esecuzione: "A breve partirò per gli Stati Uniti - afferma una giovane sposina -  e mi auguro, quando tornerò a Bari, l'anno prossimo, di poter passeggiare per una via Sparano nuova e bella". Sarà così?

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni regionali Puglia 2020: i risultati delle liste, preferenze e consiglieri eletti

  • Uccio De Santis positivo al coronavirus, annullato spettacolo in Svizzera: "Sono forte, ci vediamo presto"

  • Elezioni Regionali Puglia 2020: i risultati in diretta

  • Regionali Puglia 2020, i risultati: preferenze consiglieri Partito Democratico

  • Verso il nuovo Consiglio regionale, i nomi: Lopalco superstar, boom Paolicelli e Maurodinoia. A destra c'è Zullo, M5S con Laricchia

  • Regionali Puglia 2020: i risultati | Percentuali e voti dei candidati presidente

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento