Lunedì, 14 Giugno 2021
Cronaca

Un video del 1930: emigranti molfettesi ad Hoboken

Un video che risale al 1930 non può che suscitare emozioni....Colpiscono nel video i cappellini, l’ abbigliamento dell’ epoca, le alte uniformi dei carabinieri, la banda con le sue divise, i marinaretti con il fiocco. È uno spaccato di una epoca, di storia... da vedere assolutamente...

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BariToday

Un video storico che emoziona: la Madonna dei Martiri ad Hoboken nel 1930

Vedere un video che risale al 1930 non può che suscitare emozioni; c'è chi si commuoverà per la nostalgia, chi sorriderà a vedere quelle immagini così sfuocate, chi rifletterà sul tempo trascorso, chi ancora verrà preso dalla malinconia.

Ognuno vedendo scorrere quelle immagini scolorite dal tempo, in bianco e nero, non rimarrà sicuramente indifferente visto che riguardano la religiosità popolare e la Madonna dei Martiri a cui imolfettesi sono da sempre legati.

Il documentario, perchè tale può essere definito, è stato fornito da Nicholas Manente, e risale come dicevamo al 1930, esattamente dopo tre anni che ad Hoboken per la prima volta veniva solennemente festeggiata la festa della Madonna dei Martiri negli States.

Colpiscono nel video i cappellini, l' abbigliamento dell' epoca, le alte uniformi dei carabinieri, la banda con le sue divise, i marinaretti con il fiocco. È uno spaccato di una epoca, di storia. Una costante però c'è a distanza di decenni: la gente, i fedeli che seguono la processione e la devozione verso la loro "Mamma", come è considerata dai molfettesi la Madonna dei Martiri.

Quella non è cambiata, non è stata sbiadita dal tempo, anzi è ancora più viva, vista la lontananza nelle comunità dei molfettesi residenti all' estero.

Hoboken Italian Festival the feast of the Madonna dei Martiri 1930 NJ

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un video del 1930: emigranti molfettesi ad Hoboken

BariToday è in caricamento