Lunedì, 27 Settembre 2021
Cronaca

Polizia municipale sui mezzi Amtab, Uil Fpl: "Maggiori rischi per il personale, servono più tutele"

In una nota il segretario regionale Davide De Gregorio interviene sull'impiego del gruppo GISU per 'scortare' i bus per arginare aggressioni e atti vandalici: "Disattese le richieste di un tavolo di confronto, anche sul possibile riconoscimento dell'indennità di Ordine Pubblico"

Agenti della Polizia Municipale e del Gisu (il nucleo speciale dei vigili urbani) sui mezzi Amtab per supportare i controllori e per arginare violenze e atti vandalici? La Uil Fpl chiede chiarezza sulle modalità di impiego del personale, sottolineando i maggiori rischi per gli operatori e chiedendo più tutele.

"Nonostante le svariate sollecitazioni - si legge in una nota a firma del segretario regionale Davide De Gregorio - sono rimaste disattese tutte le richieste d'incontro inoltrate al Sindaco, tese ad aprire un tavolo di confronto utile a conoscere le modalità d'impiego di tale gruppo. Preme rammentare che il personale della Polizia Locale dal 2011 risulta privo di quelle tutele minime, ormai oggetto di una lunga vertenza a carattere nazionale, che garantivano l'eventuale riconoscimento della dipendenza dal servizio di una infermità o di lesioni fisiche contratte a causa dell'espletamento del servizio stesso".

"Di fatto - sottolinea il rappresentante della UIl Fpl - l'impiego in tali ulteriori attività, pone il personale della Polizia Municipale ad un livello maggiore di rischio rispetto a quello, già alto, rilevato durante l'espletamento dei normali compiti d'istituto. Appare paradossale che ancor prima di rendere operativo tale gruppo ed impiegare il personale tutto in tali compiti non ci si sia posto l'obbiettivo prioritario della tutela degli operatori. Come già accade in altre città, sarebbe stato opportuno almeno attivare una polizza collettiva per il personale della Polizia Municipale di Bari quale argine alla norma scellerata che ha cancellato la causa di servizio e l'equo indennizzo".

"Parimenti - prosegue la nota - a nulla sono valse le richieste di incontro trasmesse agli Ill.mi Sig.Prefetto e Sig.Questore, con il fine di aprire un tavolo sul possibile riconoscimento dell'indennità di Ordine Pubblico che avrebbe dato spazio anche ad un percorso parallelo di condivisione sui servizi aggiuntivi che spesso vengono disposti all'interno del Comitato per la Sicurezza e l'Ordine Pubblico tra cui quelli oggetto di questa missiva".

"Questa O.S. - rimarca De Gregorio - non è assolutamente contraria allo sviluppo delle attività che possano sempre più accrescere la professionalità degli operatori di Polizia Locale, ma è altrettanto convinta che in mancanza dei minimi presupposti di tutela del personale coinvolto non è possibile attivare alcun percorso migliorativo per la cittadinanza e per i lavoratori. È evidente - conclude - che fino alla risoluzione delle problematiche su esposte alcun servizio potrà essere svolto almeno fino a quando non si apra un tavolo che coinvolga tutte le istituzioni innanzi richiamate per una risoluzione definitiva della questione ed un avvio in completa sicurezza delle attività individuate".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Polizia municipale sui mezzi Amtab, Uil Fpl: "Maggiori rischi per il personale, servono più tutele"

BariToday è in caricamento