Villaggio Trieste, terra di nessuno: "Per il Comune non esistiamo"

Fogna intasata, strade e illuminazione da rifare, nessun servizio. Venticinque palazzine a due passi dallo Stadio della Vittoria nel degrado da anni

"Cosa abbiamo da chiedere al Comune? Nulla, tanto per loro non esistiamo": al Villaggio Trieste, piccolo quartiere con vista sulla Fiera del Levante e lo Stadio della Vittoria, il tempo trascorre lento, così come le Istituzioni sembrano lontane. Pochi servizi e tanti problemi da risolvere, tipici di una periferia abbandonata: strade e marciapiedi da rifare, illuminazione carente con pali arrugginiti e pericolosi, fogna bianca inesistente e allagamenti ogni qual volta che piove. L'area delle 25 palazzine, costruite negli anni '50 per ospitare i profughi italiani provenienti dagli ex territori appartenenti all'Italia ceduti al termine della Seconda Guerra Mondiale, ha bisogno di interventi decisi sul piano urbanistico e di recupero sociale, come auspicato da anni dalle trecento famiglie residenti, molte delle quali di origine istriana, dalmata e greca, ognuna con una loro storia da raccontare.

La manutenzione delle strade interne, intasate quando ci sono Campionaria e concerti, è spesso affidata all'autogestione: "Curo ogni giorno il mio albero di limone - racconta il signor Alessandro - ma anche l'erba e qui, quando piove, diventa una palude. C'è anche un pozzetto per la fogna pericolante e l'asfalto non viene rifatto da decenni. Non sappiamo più a chi rivolgerci visto che Comune e Arca si rimpallano la competenza". Molte delle abitazioni sono state riscattate nel corso degli anni, ma i suoli sarebbero di pertinenza delle Case Popolari. Il confine è evidente quando si oltrepassa la parrocchia di San Enrico, oltre la quale, lo stato del manto stradale e dei marciapiedi è decisamente disastrato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il parroco, Don Giorgio, cura anche da sè il giardino adiacente, intitolato a Don Tonino Bello, ma non ce la può fare da solo: "Le piante dovrebbero essere potate e c'è una grande quantità di foglie cadute da portar via. Le giostre necessitano di manutenzione e sono pericolose per i bambini. La sera, tra l'altro, alcuni senza tetto restano a dormire scavalcando la recinzione", un'ulteriore problema che si va ad aggiungere ai furti e alle occupazioni abusive di appartamenti nelle palazzine del villaggio. Una terra di nessuno le cui voci sembrano non importare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni regionali Puglia 2020: i risultati delle liste, preferenze e consiglieri eletti

  • Elezioni Regionali Puglia 2020: i risultati in diretta

  • Regionali Puglia 2020, chiusi i seggi nella prima giornata di voto: corsa a otto per la presidenza

  • Regionali Puglia 2020, i risultati: preferenze consiglieri Partito Democratico

  • Verso il nuovo Consiglio regionale, i nomi: Lopalco superstar, boom Paolicelli e Maurodinoia. A destra c'è Zullo, M5S con Laricchia

  • Regionali Puglia 2020: i risultati | Percentuali e voti dei candidati presidente

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento