Cronaca

Falso Brunello di Montalcino: 600 bottiglie sequestrate, denunciati coniugi

La coppia, residente in Toscana, è stata bloccata nei pressi del casello autostradale Bari Nord: a bordo del loro furgone trasportavano le bottiglie di vino, con false etichette che attestavano l'origine "Doc" del prodotto

Il vino sequestrato dalla Finanza

Stando alle etichette incollate sulle bottiglie, si trattava di "Brunello di Montalcino" a denominazione di origine controllata e garantita (D.O.C.G.). In realtà, come scoperto dai finanzieri di Bari, erano prodotti contraffatti.

Il carico di falso Brunello - circa 600 bottiglie - era trasportato a bordo di un furgone da una coppia di 45enni residenti in Toscana. I finanzieri hanno fermato i due coniugi nei pressi del casello autostradale Bari nord. Subito insospettiti dalle modalità con le quali il vino era confezionato (anonimi cartoni privi di marca sui quali erano incollate delle etichette), hanno deciso di approfondire il controllo.

Dal confronto tra i codici distintivi stampati sulle etichette e quelli i codici distintivi delle bottiglie sono stati riscontrati con quelli presenti sul sito del "Consorzio del Vino Brunello di Montalcino", che tutela e valorizza il nome ed il marchio del prezioso vino, è emersa la contraffazione.

Le oltre 600 bottiglie, per circa 450 litri di vino, sono state sottoposte a sequestro, mentre per i due è scattata una denunzia alla locale Procura della Repubblica.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Falso Brunello di Montalcino: 600 bottiglie sequestrate, denunciati coniugi

BariToday è in caricamento