Bimbi disabili violentati e costretti ad atti sessuali, la madre: "Picchiati e lasciati senza cibo da mio marito"

Tre ore di interrogatorio per la donna che nega le accuse. Il coniuge, invece, si è avvalso della facoltà di non rispondere. Trovate in casa 300 videocassette di film pornografici

"Lui era un demonio, ci lasciava senza cibo e ci picchiava": è quello che avrebbe riferito durante circa tre ore di interrogatorio la donna di 34 anni arrestata due giorni fa insieme al marito 38enne per violenza sessuale pluriaggravata sui due figli di 5 e 9 anni, corruzione di minorenne e maltrattamenti.  La donna, dinanzi al gip del Tribunale di Bari, Giulia Romanazzi, e al pm che coordina le indagini dei Carabinieri, Simona Filoni, ha raccontato in lacrime di essere vittima del coniuge, con cui è in corso la separazione. La 34enne, attualmente ai domiciliari, ha negato di aver partecipato o anche solo assistito ad abusi sessuali sui figli. "Ha raccontato verità di vessazioni e sottomissione, ma non di violenze sessuali" ha riferito il suo legale, l'avvocato Giuseppe Arzillo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Abusi sessuali sui figli piccoli, coppia di genitori in manette

Il coniuge della donna è stato anche lui sottoposto ad interrogatorio di garanzia, per rogatoria nel carcere di Trani. L'uomo, difeso dall'avvocato Consiglia Carrieri, si è avvalso della facoltà di non rispondere. Il legale ha presentato istanza di revoca della misura cautelare depositando una memoria difensiva ed evidenziando problemi di salute incompatibili con la detenzione in carcere. I bambini, che nei mesi scorsi sono stati sentiti nella forma dell'ascolto protetto, si trovano da oltre un anno in una comunità su disposizione del Tribunale per i Minorenni di Bari e hanno raccontato le presunte violenze subite solo dopo essere stati allontanati dai genitori. I Carabinieri, nel corso delle perquisizioni domiciliari, hanno rinvenuto 300 videocassette di film pornografici che, in base al racconto dei bambini, il padre faceva loro guardare mentre li induceva a compiere e subire atti sessuali. Nei prossimi giorni proseguiranno le indagini della Procura per ascoltare le persone venute in contatto in questi anni con la famiglia

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Uccio De Santis positivo al coronavirus, annullato spettacolo in Svizzera: "Sono forte, ci vediamo presto"

  • Vipera in giardino: come riconoscerla e cosa fare in caso di morso

  • Raffaele Fitto positivo al Covid-19 con la moglie, l'annuncio: "Tampone dopo contagio di uno stretto collaboratore"

  • Il Coronavirus fa ancora paura nella provincia: un decesso a Polignano, crescono i contagi a Noicattaro

  • Vento forte e temporali in arrivo nel Barese: scatta l'allerta meteo arancione

  • Contagi dopo festa di 18 anni, chiude scuola ad Altamura: "Inconcepibili party per ballare"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento