Cronaca

Volontari della Protezione civile in campo per bloccare i roghi di rifiuti: "A breve bando per reclutamento"

Le attività si concentreranno in particolare a Carbonara, Ceglie e Loseto, nel Municipio IV, e di Japigia e Sant’Anna, nel Municipio. Saranno coordinate con polizia locale, carabinieri del Comando Regione Puglia - Nucleo Forestale Bari e con la sala operativa unificata permanente per la Protezione Civile regionale

Volontari della Protezione civile in campo per fermare i roghi nei quartieri più 'a rischio' di Bari, ovvero Carbonara, Ceglie e Loseto, nel Municipio IV, e di Japigia e Sant’Anna, nel Municipio I. È quanto disposto dalle linee di indirizzo per l’avvio di azioni finalizzate alla prevenzione e al contrasto del fenomeno dei roghi nei due municipi, approvato dalla Giunta comunale su proposta dell’assessore all’Ambiente Pietro Petruzzelli. Si tratta delle aree della città da tempo interessate da frequenti episodi legati ad incendi appiccati per smaltire rifiuti, situazioni particolarmente nocive per l’ambiente e i residenti, costretti a respirare fumi tossici in particolare durante il periodo estivo.

Pertanto, dopo una serie di interventi già intrapresi proprio su alcune aree del Municipio IV, l’amministrazione comunale porterà avanti una serie di azioni coordinate e integrate per dar vita a una capillare attività di monitoraggio dei comportamenti dolosi che possa assicurare un contrasto immediato al fenomeno illecito e un’attività di prevenzione rispetto ai fenomeni descritti, che funzionerà anche da deterrente per l’abbandono e lo smaltimento irregolare dei rifiuti e conseguendo una riduzione delle emissioni dannose. Le attività di sorveglianza, che dureranno un anno con la possibilità di rinnovo per un altro anno, saranno portate avanti quindi dai volontari, selezionati in quanto in possesso di determinati requisiti per le attività volte alla prevenzione degli illeciti e all’integrazione tra politiche di sicurezza e politiche sociali, educative, ambientali e territoriali. Volontari che coordineranno i controlli con polizia locale, carabinieri del Comando Regione Puglia - Nucleo Forestale Bari e con la sala operativa unificata permanente per la Protezione Civile regionale. Le attività partiranno dopo la sigla di una convenzione con l’associazione, che sarà individuata a seguito di avviso pubblico, con un finanziamento totale di 18mila euro.

“A breve pubblicheremo l’avviso per reclutare volontari che si occupano di questi temi e che dovranno eseguire un ampio programma di iniziative, mirate più alla prevenzione, in stretta collaborazione con la Polizia locale e le Forze dell’ordine, che al contrasto del fenomeno dei roghi - commenta Pietro Petruzzelli -. L’avviso sarà tarato in funzione delle tante segnalazioni raccolte nel corso di questi ultimi anni, quindi prevedendo un lavoro più corposo nei mesi estivi. Queste attività illecite e pericolose, infatti, cominciano in tarda primavera per terminare verso l'inizio della stagione autunnale. L’altra particolarità del bando sta nel fatto che per la prima volta, come  promesso ad agosto scorso, ci concentreremo non solo sul Municipio IV ma anche su Japigia e Sant’anna, due quartieri anch’essi afflitti dalle emissioni maleodoranti. L'amministrazione comunale non intende indietreggiare di un millimetro rispetto a una questione importante e delicata, che provoca molti disagi a tantissimi cittadini".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Volontari della Protezione civile in campo per bloccare i roghi di rifiuti: "A breve bando per reclutamento"

BariToday è in caricamento