menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Voto di scambio alle elezioni regionali, chieste cinque condanne

Secondo l'accusa gli imputati avrebbero cercato di inquinare gli esiti della consultazione, invitando gli elettori a votare per un candidato, ricorrendo alla "forza intimidatrice" del clan Di Cosola

Cinque condanne, a pene comprese tra i 20 anni e i 12 anni e 8 mesi di reclusione, sono state chieste dalla Dda di Bari per gli imputati del procedimento sul presunto voto di scambio alla elezioni regionali del 2015.

I cinque imputati, pregiudicati ritenuti affiliati al clan Di Cosola, sono accusati a vario titolo di associazione mafiosa, voto di scambio e coercizione elettorale. In particolare quattro di essi avrebbero fermato gli elettori per strada invitandoli, con minacce e intimidazioni, a votare per Natale Mariella (poi non eletto e attualmente indagato in un altro procedimento), candidato nella lista dei 'Popolarì a sostegno di Michele Emiliano presidente. Gli imputati avrebbero fatto ciò, secondo le indagini della magistratura,  avvalendosi della forza intimidatrice del clan Di Cosola e dicendo agli elettori che avrebbero verificato il voto, cercando così di condizionarne le scelte.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Vendita e Affitto

Attico di lusso nel cuore di Bari: un sogno a due passi dal mare dove il fascino dell'antico si sposa all'eleganza del moderno

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento