menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Xylella, nessun rischio nel Barese. Gli esperti: "Occhio ai viaggi in auto"

La diffusione dell'insetto flagello di ulivi e altre specie mediterranee, è sotto costante monitoraggio dei tecnici dell'Ima. Gli esperti consigliano, durante i viaggi in Salento, di tenere i finestrini chiusi: "Potrebbe saltare nelle vetture e diffondersi altrove"

Nessun contagio, per ora, nell'area metropolitana barese, ma il rischio c'è e, basta poco per 'trasportare' la temuta Xylella dal Salento al resto della Puglia. Parliamo ovviamente del fastidioso insetto che ha messo in ginocchio l'agricoltura della Puglia meridionale, distruggendo ulivi e molte altre piante ospiti tra le 18 specie infettate. Un minuscolo flagello propagatosi fino al Brindisino, per il quale si stanno adottando provvedimenti drastici come l'abbattimento delle piante sane, vicine a quelle malate. Il Centro di studi Ciheam, presente nell'Istituto Agronomico Mediterraneo di Valenzano, monitora costantemente la situazione

"I dati in nostro possesso - spiega il ricercatore Franco Valentini - ci confermano la diffusione circoscritta nel Leccese e nel Brindisino, in particolare nel focolare di Oria. L'abbattimento delle piante fa parte delle misure di quarantena decise in precedenza. Sono efficaci solo se si interviene in maniera immediata, altrimenti bisogna in qualche modo convivere col batterio, in attesa di novità da parte della ricerca".

Assieme alle normali attività di prevenzione, è però utile anche osservare qualche precauzione aggiuntiva. Gli esperti, infatti, consigliano, durante i viaggi in auto in Salento, di mantenere i finestrini chiusi. L'insetto infatti, attratto anche dai colori chiari,  nonostante le piccolissime dimensioni, potrebbe saltare fin dentro il veicolo, usufruendo di 'passaggi' indesiderati: "Con altri ricercatori - spiega Valentini - ci si è accorti proprio di questo. Dal momento che si deve uscire  dalle zone di focolaio, dunque, meglio prendere piccoli accorgimenti e stare attenti". Il rischio di ingigantire inconsapevolmente la piaga, puà essere dietro l'angolo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Lolita Lobosco, Bari in tv è bellissima ma sui social piovono critiche:"Quell'accento una forzatura, noi non parliamo così"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento