Ulivo infetto da Xylella a Monopoli, sequestrata pianta: "Ministero parte offesa"

L'ipotesi di reato, al momento a carico di ignoti, riguarderebbe diffusione di malattia e diffusione di notizie e tendenziose tali da poter turbare l'ordine pubblico

Foto di repertorio

Il decreto di sequestro probatorio di un ulivo infetto da Xylella, eseguito sabato scorso a Monopoli, nell'area di Masseria Caramanna aarà notificato anche al Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali oltre che all'Osservatorio fitosanitario della Regione Puglia. Il Ministero, infatti, è ritenuto dalla magistratura barese la persona offesa dal reato.

I Carabinieri forestali, su disposizione del pm barese Domenico Minardi, hanno sequestrato sabato scorso l'ulivo e l'intera particella agraria, prescrivendo al conduttore dei terreni, nominato custode dei luoghi, che "ogni accesso al fondo per la materiale conduzione agricola e rispetto delle vigenti normative in materia di emergenza Xylella, dovrà essere concordata con l'autorità giudiziaria per la relativa autorizzazione". L'ipotesi di reato, al momento a carico di ignoti, riguarderebbe diffusione di malattia e diffusione di notizie e tendenziose tali da poter turbare l'ordine pubblico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La Procura: "Obbligo di approfondire le notizie di reato che pervengono"

Sulla questione è intervenuta con una nota la Procura di Bari che rivendica "ancora una volta il potere/dovere di garante della legalità sul circondario - si legge in una nota - in un ambito particolarmente esposto e 'sensibile' quale quello della tutela ambientale, fonte di preoccupazione per tutti coloro che hanno a cuore la salvaguardia dell’ habitat naturale del territorio, ma anche dei rappresentanti e degli esponenti dell’ imprenditoria agricola e richiama il principio costituzionale dell’ obbligatorietà dell’azione penale che impone l’approfondimento delle notizie di reato che pervengono. Nel merito si precisa che il provvedimento, che ha ad oggetto - prosegue la nota - un solo albero di ulivo ed è stato disposto in relazione ai reati di diffusione di malattie delle piante e pubblicazione o diffusione di notizie atte a turbare l’ ordine pubblico.è in funzione esclusivamente probatoria connessa, tra l’ altro, allo svolgimento di consulenza tecnica, le cui operazioni sarà cura di questa Procura vengano effettuate in tempi e con modalità del tutto compatibili con il provvedimento di eradicazione disposto dal competente organo della Regione, la cui legittimità/liceità non è posta in discussione dal decreto di sequestro" conclude il comunicato della Procura.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni regionali Puglia 2020: i risultati delle liste, preferenze e consiglieri eletti

  • Uccio De Santis positivo al coronavirus, annullato spettacolo in Svizzera: "Sono forte, ci vediamo presto"

  • Elezioni Regionali Puglia 2020: i risultati in diretta

  • Regionali Puglia 2020, i risultati: preferenze consiglieri Partito Democratico

  • Verso il nuovo Consiglio regionale, i nomi: Lopalco superstar, boom Paolicelli e Maurodinoia. A destra c'è Zullo, M5S con Laricchia

  • Regionali Puglia 2020: i risultati | Percentuali e voti dei candidati presidente

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento