Dal lungomare alla periferia il ritorno di zanzare e blatte. L'Amiu: "Monitoraggio e interventi costanti"

Con il caldo si moltiplica la presenza degli sgradevoli e fastidiosi insetti. L'azienda d'igiene pubblica ha avviato da qualche giorno il calendario di disinfestazioni nei quartieri cittadini

In città la primavera ormai sbocciata da qualche settimana, più simile a un inizio d'estate: con il caldo è però ritornato il problema delle zanzare e delle blatte che accompagnano, in maniera sgradevole, giornate e nottate dei baresi. Le temperature in rialzo consentono una maggiore riproduzione degli insetti e una schiusa più rapida delle uova, moltiplicando la presenza di zanzare tigre e scarafaggi. L'Amiu ha avviato da alcune settimane un'intensa attività di disinfestazione nei vari quartieri della città. Stamattina le squadre erano in azione nella Pineta di San Francesco, dove erano già intervenute lunedì scorso, a seguito di numerose segnalazioni dei cittadini. Addetti all'opera anche al parco 2 Giugno e, prossimamente, anche nelle zone di Torre Quetta e Pane e Pomodoro, per eliminare le zanzare adulte con insetticidi sparati attraverso alcuni cannoncini. 

Monitoraggio costante di larve e zanzare tigre

Sul fronte delle larve, invece, si sta agendo in base al calendario stilato nei mesi scorsi: "In questo caso - spiega Enzo Buono, esperto tecnico e componente del Cda Amiu - agiamo sugli esemplari in questo stadio evolutivo, poiché le i prodotti in pastiglie non sono adatti alle uova. Il programma si protrarrà fino a tutto il mese di ottobre". Importante, in questo senso, l'attività di monitoraggio eseguita dall'azienda municipalizzata in collaborazione con il Dipartimento di Medicina Veterinaria dell'Università di Bari: "La città - prosegue Buono - è stata suddivisa in 28 zone a loro volta ripartite in tre sotto zone, dove abbiamo collocato vari secchiellini neri con bacchette di legno. Lì le zanzare tigre depositano le loro uova. A quota 40-50 interveniamo capillarmente. Ciò ci consente di gestire meglio le sei squadre a nostra disposizione, ognuna con due operatori. Lo studio ci ha permesso di dimostrare che le zanzare tigre depongono uova anche in inverno, a causa delle temperature meno rigide e di una grande piovosità all'inizio delle stagioni". Al momento, fortunatamente, non sono state registrate infestazioni critiche. Dall'Amiu arriva un consiglio e qualche accorgimento per i cittadini: "Il 70% dei focolai - aggiunge Buono - si trova in aree private dove spesso non vengono effettuati trattamenti adeguati. E' importantissimo eliminare l'acqua dai sottovasi e da altri contenitori di raccolta, utilizzando anche le pasticche antizanzare". 

Blatte, le uova si schiudono

L'altra questione tipica dell'estate è rappresentata dalle blatte: "In questi giorni - conclude buono -  stiamo intervenendo maggiormente, per via della schiusura delle uova. Siamo operativi sulla fogna bianca, di nostra competenza, mentre per quella nera c'è Aqp. Ci siamo coordinati per evitare sovrapposizioni. Siamo partiti dal Murattiano e dalla città vecchia, in particolare dalla zona del VIllaggio della Coldiretti. Successivamente ci sposteremo nelle altre zone della città, a cominciare da Carrassi. In tutto Bari sarà 'ripassata' per tre volte in questi mesi. Ovviamente agiamo anche su segnalazioni dei privati cittadini". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Puglia resta 'zona arancione', la decisione del ministro Speranza: misure confermate

  • Dagli spostamenti tra regioni ai cenoni (vietati), il nuovo Dpcm e le misure al vaglio per Natale

  • Asfalto viscido per la pioggia, auto si ribalta e finisce fuori strada: muore 19enne

  • Muore a 53 anni l'avvocata Antonella Buompastore, ex proprietaria del Kursaal Santa Lucia

  • Folle inseguimento a 120 km/h per le strade di Carbonara: arrestato pregiudicato 33enne

  • Calano le occupazioni delle terapie intensive covid in Puglia: migliora anche il trend dei contagi sui tamponi eseguiti

Torna su
BariToday è in caricamento