Cronaca Madonnella / Ponte Garibaldi

Zsr Madonnella, arrivano le strisce per l’allargamento oltre il Marconi

Al via le operazioni di verniciatura. Oggi si parte con il rifacimento delle strisce pedonali, in settimana le blu. Decaro: "Abbiamo mantenuto fede ad una promessa: i residenti ora possono richiedere il pass"

La zona a sosta regolamentata nel quartiere Madonnella è prossima all’allargamento. Sono partite stamattina le operazioni di verniciatura delle strisce lungo tutto il tratto che da viale Imperatore Traiano arriva fino al ponte di via Di Vagno. L’Amtab ha dovuto bandire una nuova gara per permettere l’installazione della segnaletica orizzontale e verticale. Nell’operazione la municipalizzata dei trasporti ha inserito la realizzazione di strisce pedonali  su tutta la zona interessata, a partire dall’ingresso della Chiesa intitolata a San Sabino, finora sguarnita di attraversamenti “in sicurezza”.

I tecnici hanno iniziato oggi con quelle pedonali, nei prossimi giorni si proseguirà con la verniciatura delle strisce blu e l’installazione della segnaletica verticale”, commenta il consigliere delegato alla Mobilità, Antonio Decaro.

 Già a partire da domani i residenti della zona a sud del quartiere potranno recarsi presso gli uffici dell’Amtab di via Fornari per richiedere il pass. “Lo possono fare da subito, la procedura è la stessa di quella già utilizzata per il rilascio degli altri contrassegni”, continua Decaro. La durata del pass è di un anno e il costo è di 30 euro  per la prima auto e di 300 per le successive (intestate al medesimo proprietario).

Solo un anno fa Decaro incontrò i residenti della zona in una concitata assemblea pubblica svolta presso la parrocchia San Sabino. In quella sede molti sollevarono l’esigenza di non rimanere “strozzati” dall’attivazione di una zsr che contemplava tutto il quartiere fatta eccezione per gli ultimi quattro isolati. Il nodo era il superamento della zona a rilevanza urbanistica, secondo il Codice della Strada un’area a particolare intensità di traffico che giustifica la presenza di strumenti idonei al suo contenimento come la zona a sosta regolamentata.

Il Comune ha dovuto ampliare la zona a rilevanza urbanistica anche in ragione delle trasformazioni sociali e urbanistiche che hanno colpito in questi ultimi anni la parte di quartiere rimasta oggi sprovvista di zsr. La spiaggia “’Pane e Pomodoro”, il Parco Perotti, i diversi uffici pubblici  richiamano ogni giorno decine e decine di persone. Da maggio, con l’attivazione della zsr sulla restante parte del quartiere, per i residenti di tutta l’area compresa tra via Di Vagno e viale Caduti del 28 luglio 1943, trovare un posto era diventato quasi impossibile.  “Abbiamo ascoltato i cittadini e mantenuto fede ad una promessa che avevamo assunto nonostante in molti non ci credessero”. Ma quando partirà ufficialmente la zsr anche  dopo l’istituto Marconi? “Direi agosto  - conclude Decaro -. Vediamo di richiamare i residenti ad espletare le pratiche poi procediamo con la definitiva attivazione”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Zsr Madonnella, arrivano le strisce per l’allargamento oltre il Marconi

BariToday è in caricamento