rotate-mobile

Dolci di Natale baresi: la ricetta degli 'occhi di Santa Lucia'

  • Categoria

    Dessert
  • Difficoltà

    Facile

1 Kg di farina bianca 
200 ml di vino bianco 
200 ml di olio di oliva
Per la glassa 
350 gr di zucchero a velo 
4 cucchiai di acqua
 

Procedimento

In una ciotola versare la farina bianca, il vino e l’olio e impastare fino ad ottenere un impasto morbido. Creare quindi dei cordoncini, poi ancora dei piccoli bastoncini, chiudendoli in modo da creare dei cerchietti molto piccoli (la tipica forma dei taralli). Infornare a 150 gradi (forno ventilato) per 20 minuti.

Preparare la glassa: versare lo zucchero a velo in una ciotola con i quattro cucchiai di acqua, mescolando fino a quando lo zucchero non sarà completamente  sciolto, e facendo attenzione a non formare grumi. 

Quando la cottura dei taralli è ultimata, lasciarli raffreddare e poi immergerli completamente nella glassa. Lasciare asciugare.

La ricetta

Non saranno forse 'famosi' come cartellate e castagnelle, ma gli 'occhi di Santa Lucia' (ècchie de sanda Lecì) rientrano a pieno titolo nella tradizione culinaria barese delle feste. Oggi forse meno diffusi, questi piccoli taralli ricoperti di glassa (scelèppe) sono realizzati con pochi semplici ingredienti.

Non saranno forse 'famosi' come cartellate e castagnelle, ma gli 'occhi di Santa Lucia' (ècchie de sanda Lecì) rientrano a pieno titolo nella tradizione culinaria barese delle feste. Oggi forse meno diffusi, questi piccoli taralli ricoperti di glassa (scelèppe) sono realizzati con pochi semplici ingredienti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dolci di Natale baresi: la ricetta degli 'occhi di Santa Lucia'

BariToday è in caricamento