1° maggio a Monopoli

La Giornata del Lavoro di quest'anno ha un rilievo particolare: per la prima volta nel dopoguerra il movimento dei lavoratori è costretto a fare i conti con una drastica regressione del sistema di garanzie e di tutela del lavoro contro ogni forma di abuso, di sfruttamento e di mercificazione.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BariToday

Con la partecipazione dei sindacati di base (COBAS-USB-USI) e delle organizzazioni studentesche del territorio (Unione degli studenti - ALTRAPOLIS).

I giovani lavoratori, i precari e i disoccupati dicono il loro NO al JOB ACT di Renzi, che li condanna ad una vita lavorativa di miseria, precarietà ed incertezze!

La Giornata del Lavoro di quest'anno ha un rilievo particolare: per la prima volta nel dopoguerra il movimento dei lavoratori è costretto a fare i conti con una drastica regressione del sistema di garanzie e di tutela del lavoro contro ogni forma di abuso, di sfruttamento e di mercificazione.
Mai come ora, dunque, il Primo Maggio è tornato ad essere una giornata di lotta e di reazione contro l'attacco senza precedenti compiuto ai danni dei lavoratori e della nostra democrazia da parte di un governo - e di un sistema di potere criminale e speculativo del quale lo stesso è interprete - che sta mettendo letteralmente sul lastrico milioni di famiglie, cancellando diritti, rinunciando a qualsivoglia progetto di sviluppo e appoggiando politiche economiche e finanziarie che vorrebbero riservare ai lavoratori italiani e del sud dell'Europa un ruolo da "esercito di riserva".

Appuntamento a Monopoli in piazza Garibaldi a partire dalle ore 9,30

Torna su
BariToday è in caricamento