rotate-mobile
Sabato, 4 Dicembre 2021
Economia

Dal gruppo whatsapp alla gara di solidarietà, ecco la rete di 'Adotta un medico': tute, mascherine e camici donati agli ospedali

L'iniziativa nata dall'idea della dermatologa barese Valeria Lattanzi: dal tam-tam attivato da un gruppo di amici è nata una raccolta di dispositivi di protezione per sostenere il fabbisogno di medici e operatori sanitari

All'inizio erano "quattro amici in chat", in pochi giorni sono diventati quasi in 200 a promuovere la raccolta dei DPI (dispositivi per la protezione individuale) con la consegna in loco tra i reparti impegnati a fronteggiare il coronavirus, come quelli del Policlinico, del “Di Venere” e del “San Paolo” di Bari, del “Miulli” di Acquaviva delle Fonti e degli Ospedali di San Giacomo di Monopoli e Ospedale della Murgia di Altamura.

E' nata così, con un tam-tam tra amici e conoscenti, la rete solidale di 'Adotta un medico - Covid 19'. Anima dell'iniziativa - che ha già portato alla consegna di  660 tute protettive per il rischio biologico, 400 mascherine con certificazione FFP2, 66 paia di occhiali di protezione, quasi 400 camici sterili e 25 visiere protettive - è la dermatologa barese Valeria Lattanzi.

Da medico, Valeria conosce molto bene le dinamiche in corsia di questi giorni e il clima di solitudine e di terrore che i medici, i sanitari e i parasanitari impegnati nei Centri Covid vivono costantemente: "Vogliamo far sentire il nostro calore, implementando loro gli strumenti per contrastare la lotta al coronavirus ad armi pari, per il bene di tutti", spiega.

Il progetto “#adottaunmedico” è piaciuto molto a Paolo Leovino, presidente della Onlus “Accoglienza senza confini Terlizzi” impegnata dal 2006 sul fronte Chernobyl nell’accoglienza dei bambini bielorussi nel nostro Paese. All'iniziativa hanno quindi aderito numerose onlus, aziende, negozi, e professionisti che stanno sostenendo la raccolta. «Dobbiamo continuare con il monitoraggio dei punti operativi – afferma Valeria – per capire quali siano i reparti e gli ospedali che hanno la necessità costante di disporre dei DPI, coniugando la prerogativa di essere sempre lucidi e concreti nei passi che facciamo e, soprattutto, trasparenti per dare credibilità a chi vuole sostenerci».

Per chi volesse sostenere “Adotta un medico – Covid19”, può fare una donazione ad “Accoglienza senza confini Terlizzi” le cui coordinate sono: IBAN IT78 Q054 2441 7000 0000 1000176 – Causale: contributo liberale/emergenza covid 19. I bonifici sono fiscalmente detraibili e tutte le informazioni di contatto sono reperibili alla pagina Facebook www.facebook.com/adottaunmedico

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dal gruppo whatsapp alla gara di solidarietà, ecco la rete di 'Adotta un medico': tute, mascherine e camici donati agli ospedali

BariToday è in caricamento