Agriturismi pugliesi sempre più gettonati, aumentano le presenze nel ponte dell'Epifania: "Prenotazioni in crescita del 15%"

I dati diffusi da Coldiretti: le strutture pugliesi scelte per i "pranzi rurali" nell'ultimo weekend delle feste. Vacanzieri attratti da cibo genuino e attività all'aperto

In agriturismo per il pranzo dell'Epifania? Una scelta sempre più gettonata per l'ultimo giorno delle feste natalizie, tanto da far registrare quest'anno un aumento delle prenotazioni in tutte le strutture della regione: più 15%, secondo i dati raccolti e diffusi da Coldiretti.

Turisti attratti da "pranzi rurali" e attività all'aperto

“Ad attirare i turisti sono le ricette antiche, le tradizioni della nonna, i sapori genuini con conserve, pasta, pane fatti in casa, le visite alle fattorie degli animali, le attività rurali come il pick your own, dove a raccogliere i prodotti di stagione sono gli stessi vacanzieri. Crescono le presenze, con il 16,5% di aumento delle strutture autorizzate, grazie allo sforzo di destagionalizzare l’offerta agrituristica compiuto dai nostri operatori, spinte dal turismo verde a contatto con la natura, ma anche da quello enogastronomico con la capacità di mantenere inalterate le tradizioni culinarie nel tempo che è la qualità più ricercata e grazie all’offerta di servizi per il tempo libero”, commenta in una nota Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia.

Provincia di Bari al secondo posto per numero di strutture

Secondo l’analisi di Coldiretti – Terranostra sulla base degli ultimi dati ISTAT, la provincia di Bari con 164 agriturismi, è al secondo posto nella classifica regionale. Al top c'è il Salento, con le 360 strutture della provincia di Lecce, sulle 876 totali autorizzate in tutta la Puglia. Il terzo posto è occupato da Foggia con 132, seguita da Brindisi con 108, Taranto con 84 e BAT con 28. Sono 850.000 le presenze annue registrate nelle aziende agrituristiche pugliesi – secondo l’elaborazione di Coldiretti/Terranostra Puglia -  con un volume d’affari di 22 milioni di euro. La vacanza in campagna è l'alternativa verde più gettonata degli ultimi anni - con un aumento del numero degli agriturismi – continua Coldiretti Puglia – pari al 53% e del numero di ospiti salito del 76%  rispetto alle tradizionali ferie nelle località montane o marittime, grazie ad "agricoltori - Ciceroni" dell'ambiente che competono con le storiche guide turistiche nel raccontare le bellezze paesaggistiche e tradizionali a turisti e enogastronauti che invadono le ‘località verdi’ di tendenza.

Le attività offerte dagli agriturismi pugliesi

“Nel dettaglio gli agriturismi pugliesi offrono alloggio, ristorazione, ma anche degustazioni e attività ludiche, ricreative e sociali. Dall'agri-campeggio all'agri-relax, dalla semplicità dell'accoglienza rurale ai buffet con i prodotti dell'orto – spiega Filippo De Miccolis Angelini, presidente di Terranostra Puglia - alle passeggiate ritempranti nella natura, sono alla base del gradimento in crescita dei turisti assieme al paesaggio e all’enogastronomia”. E’ aumentata anche la richiesta di pernottamento e di attività ricreative per trascorrere i 2/3 giorni in armonia con la natura, imparando i segreti della vita in campagna. Il successo degli agriturismi pugliesi ruota attorno all’enogastronomia, con gli agrichef di Campagna Amica, i cuochi contadini che preparano piatti della tradizione con mirabile maestria. “Si tratta di un aumento sostenuto dalla qualificazione dell’offerta con gli agriturismi pugliesi che - sottolinea il presidente De Miccolis - offrono servizi innovativi per sportivi, nostalgici, curiosi e ambientalisti, come l’equitazione, il tiro con l’arco, il trekking o attività culturali come la visita di percorsi archeologici o naturalistici, ma anche corsi di cucina e wellness”, conclude il presidente De Miccolis. Gli Agriturismi di Campagna Amica – continua Coldiretti Puglia – mettono a disposizione anche spazi attrezzati per pic-nic all’aria aperta che rispettano le esigenze di indipendenza di chi ama dedicarsi alla cucina in piena autonomia, ricorrendo eventualmente solo all’acquisto dei prodotti aziendali. Grandi opportunità anche dalla vendita diretta, con il 40% delle aziende regionali che vendono prodotti propri ed il 20% prodotti biologici. La gita in agriturismo è, infatti, anche l’occasione per far conoscere, soprattutto ai bambini, gli animali di fattoria galline, mucche, cavalli, asinelli, assistere alla mungitura, alla posa delle uova od imparare a fare il formaggio o la pasta fatta in casa ed anche per vedere affascinanti strumenti di lavoro ed attrezzature agricole, moderne e del passato, dal vecchio aratro ai potenti trattori, conclude Coldiretti Puglia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Qui il crudo di mare è una vera favola", Alessandro Borghese e la sfida di '4 Ristoranti' a Bari: il migliore? E' a Santo Spirito

  • Ultimo giorno di zona gialla, da domani la Puglia torna in arancione: cambiano regole e divieti

  • Arriva il freddo russo, temperature in picchiata anche in Puglia: rischio neve a quote basse

  • Scuola in Puglia, c'è l'ordinanza di Emiliano: superiori in Ddi per un'altra settimana, per elementari e medie resta la scelta alle famiglie

  • Nuovo Dpcm in arrivo: ecco regole e restrizioni, cosa cambia dal 16 gennaio. Puglia verso l'arancione

  • Un'altra stretta con il nuovo decreto anti Covid: Puglia verso la zona arancione?

Torna su
BariToday è in caricamento