Martedì, 15 Giugno 2021
Economia

Aicarr presenta la nuova norma Uni 11425 dedicata agli impianti di ventilazione e condizionamento nei blocchi operatori

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BariToday

AiCARR, l'Associazione Italiana Condizionamento dell'Aria, Riscaldamento e Refrigerazione, da anni organizza corsi rivolti a professionisti per un continuo ed approfondito aggiornamento di qualità. Inoltre, in quanto membro del CTI (Comitato Termotecnico Italiano), ha collaborato fattivamente alla stesura della UNI 11425 "Impianto di ventilazione e condizionamento a contaminazione controllata (VCCC) per il blocco operatorio. Progettazione, installazione, messa in marcia, qualifica, gestione e manutenzione". Vista la propria esperienza e profonda competenza in materia, ha organizzato per il 5 marzo 2012, presso la sala convegni dell'Ospedale Generale Regionale "F. Miulli" di Acquaviva delle Fonti (BA) un corso teso ad offrire a tutti coloro che si occupano di impianti di climatizzazione per il blocco operatorio l'occasione di approfondirne i contenuti attraverso un corso "in pillole" mirato e qualificato. La tematica affrontata sarà la nuova Norma UNI 11425 "Impianto di ventilazione e condizionamento a contaminazione controllata (VCCC) per il blocco operatorio. Progettazione, installazione, messa in marcia, qualifica, gestione e manutenzione", che si applica ai reparti specificamente destinati allo svolgimento di attività chirurgica - comunemente noti come blocchi operatori - e fornisce indicazioni per la verifica delle prestazioni, l'accettazione, la gestione degli impianti e dei componenti che concorrono al controllo della contaminazione ambientale e al mantenimento di prefissate condizioni termoigrometriche. La norma, pubblicata a settembre 2011, riguarda sia le nuove realizzazioni sia le ristrutturazioni edilizie e impiantistiche dei blocchi operatori.

Docenti esperti sottolineeranno gli aspetti peculiari della norma, illustrando i requisiti generali e tecnici da definire, a seguito di un'analisi del rischio, per la stesura del "documento di progetto" (il documento di riferimento per la progettazione, la costruzione, l'attività di qualifica e i controlli periodici dell'impianto VCCC). Si parlerà anche di componenti di impianto, ponendo l'accento sui terminali interni da scegliere in funzione del tipo di flusso (turbolento o unidirezionale misto) usato per gli ambienti a contaminazione controllata. Saranno infine trattate le qualifiche da effettuarsi nelle varie fasi (Installazione IQ - Operativa OQ - Prestazionale PQ) e i requisiti generali di risparmio energetico.

Nel corso dell'incontro verranno analizzati nel dettaglio tutti gli aspetti principali della normativa: dai requisiti generali richiesti (documento di progetto requisiti impiantistici e requisiti generali dei componenti), alle fasi di progettazione, installazione e messa in marcia degli impianti, alle procedure di qualifica, passando poi per la gestione e manutenzione, il confronto con la normativa EU lavori CEN TC156 WG13 Ventilation in Hospital e terminando infine con esempi applicativi.

Interverranno l'Ing. Luca Alberto Piterà (segretario tecnico AiCARR e membro del Gruppo di Lavoro CTI sulla Norma UNI 11425); l'Ing. Stefano Nardulli (progettista e delegato territoriale AiCARR per la Regione Puglia) e l'Ing. Giovanna Liuzzi (direttore tecnico Hopitecna Srl -società affidataria del servizio di conduzione, sorveglianza, manutenzione ordinaria e straordinaria del Monoblocco Ospedale Generale Regionale "F. Miulli"-).

Il corso è indirizzato a progettisti e tecnici delle aziende ospedaliere, a gestori, a manutentori e a tutti coloro che si occupano a vario titolo di climatizzazione per il blocco operatorio.

Sarà possibile iscriversi on-line sul sito www.aicarr.org entro e non oltre il 26 febbraio. La quota da versare per la partecipazione comprende una copia originale della norma UNI 11425 in versione cartacea, la documentazione didattica e l'attestato di partecipazione. AiCARR ricorda agli interessati che le spese per i corsi di aggiornamento professionale sono fiscalmente deducibili dal reddito dei liberi professionisti nella misura del 50 per cento.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aicarr presenta la nuova norma Uni 11425 dedicata agli impianti di ventilazione e condizionamento nei blocchi operatori

BariToday è in caricamento