rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Economia

Nuova protesta di azionisti e risparmiatori della Banca Popolare di Bari: "Venduti titoli ad alto rischio per basso. Perchè?"

Nel corso del sit-in una delegazione del Comitato Indipendente Azionisti BPB e AssoBPB ha consegnato al direttore della filiale di Bari della Banca d'Italia una missiva indirizzata al Governatore Ignazio Visco

Si è svolta questa mattina una nuova protesta da parte degli azionisti e dei risparmiatori della Banca Popolare di Bari: i manifestanti si sono dati appuntamenti, secondo quanto riprota l'Ansa, dinanzi alla sede della Banca d'Italia, nel cuore del capoluogo pugliese.

L'intento della protesta era quello di  "chiedere chiarimenti sull'attività di sorveglianza svolta e su come sia stato possibile che titoli illiquidi ad alto rischio siano stati venduti a clienti con basso rischio come innocui titoli liquidi, vero e proprio profilo di miss selling massiva che poteva essere facilmente accertato in sede ispettiva dal semplice esame degli estratti conto inviati". Gli azionisti vorrebbero anche più informazioni "sul ruolo della stessa Banca d'Italia nell'operazione di acquisizione di Banca Tercas, finanziata dagli stessi azionisti per oltre 400 milioni di euro, che ha contribuito pesantemente se non determinato il default della banca". Nel corso del sit-in una delegazione del Comitato Indipendente Azionisti BpB e AssoBpB ha consegnato al direttore della filiale di Bari della Banca d'Italia una missiva indirizzata al Governatore Ignazio Visco.

Bankitalia, ha dichiarato Giuseppe Carrieri, presidente AssoBpb, "deve essere al.fianco dei 70000 soci della Popolare per cercare una qualche soluzione concreta alla vicenda".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuova protesta di azionisti e risparmiatori della Banca Popolare di Bari: "Venduti titoli ad alto rischio per basso. Perchè?"

BariToday è in caricamento