menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fallimento FC Bari, Cgil: "Dipendenti siano riassunti"

Il sindacato anticipa la proposta che sarà formulata al sindaco Decaro: inserire nella manifestazione d'interesse per l'assegnazione del titolo sportivo per il nuovo Bari calcio, il mantenimento degli attuali occupati

Nella vicenda del fallimento della Fc Bari 1908, di triste non c'è soltanto la scomparsa di 110 anni di storia calcistica. C'è anche - e soprattutto - la sorte dei dipendenti della società che ora rischiano di trovarsi senza lavoro e che - come denunciato oggi - già da maggio non ricevavano stipendio.

A farsi portavoce della situazione dei lavoratori è la Cgil:  "All'ombra del palcoscenico dei campi di calcio calpestati dai campioni conosciuti e osannati - si legge in una nota - ci sono le lavoratrici e i lavoratori, persone in carne ed ossa che con la parola fine, messa sulla storia del Bari Cacio, perderanno il loro lavoro. Dietro alla Bari calcistica, oltre ai giocatori, al pubblico appassionato, dietro a tecnici, staff sanitario e sportivo, ci sono, poco visibili e molto poco conosciuti anche 20 dipendenti che con vari incarichi e mansioni, per la società sportiva della città, fino ad oggi hanno lavorato. Lavoratrici e lavoratori, che in questi mesi, conoscendo le difficoltà della società, hanno aspettato la corresponsione della retribuzione, paghe del valore di poco superiori ai mille euro mensili. Retribuzioni arretrare al mese di maggio, che si aggiungono, per molti di loro, a riduzioni di salario dei mesi scorsi, concordate o addirittura decise unilateralmente dalla proprietà". 

"La segreteria Provinciale della SLC - si legge ancora - ha immediatamente convocato una assemblea di tutti i dipendenti. Nella discussione, oltre alla tutela di quanto, lavoratori e lavoratrici hanno maturato e vantano per retribuzioni arretrare e diritti eventualmente non riconosciuti, è emersa, fondamentale, la preoccupazione per la prospettiva e per il futuro occupazionale. A tutela e a difesa dei posti di lavoro, che per quanto di nostra pertinenza riguarda i dipendenti della FC Bari 1908, a cui bisogna aggiungere i tecnici e gli operatori dello Sport, avanzeremo richiesta urgente di incontro al sindaco Ing. De Caro al quale rappresenteremo la necessità di inserire, nella manifestazione d'interesse per l'assegnazione del titolo sportivo per il nuovo Bari calcio, il mantenimento della  occupazione di chi fino ad ora ha lavorato per l’attuale società, inserendo la clausola sociale per la salvaguardia dell’occupazione, strumento indispensabile per non disperdere importanti professionalità e preservare le condizioni dei lavoratori e delle loro famiglie".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento