rotate-mobile
Lunedì, 17 Giugno 2024
Economia

Verso il G7, la Comunità dell'economia rurale pugliese in mostra a Bari: "Rete di aziende per la produzione sostenibile"

Il progetto della rete di 8 aziende, dislocate nella provincia barese e nella Bat, sarà illustrato in Fiera del Levante, negli spazi del Media Center dedicato all'incontro dei 'grandi della Terra' in Puglia

Dopo i primi due anni di attività condivisa, un gruppo di imprenditori baresi e della Bat, presenterà in Fiera del Levante per il G7 la nascente 'Comunità dell’economia rurale pugliese da sostenibilità certificata' di cui fanno parte otto aziende: Agricola Pinto e Tenuta Pinto di Mola di Bari, Tersan Puglia di Modugno, Tormaresca di Minervino Murge, Frantoio Muraglia di Andria, Pantaleo Agricoltura di Speziale di Fasano, Andriani Spa di Gravina di Puglia, Marchiato Fresco e la web tv Foglie di Conversano.

Venerdì 14 giugno in Fiera del Levante, la 'Comunità dell’economia rurale pugliese da sostenibilità certificata' realizzerà un cooking show a cura del giovane executive chef Giuseppe Pedone (Tenuta Pinto). L'evento vedrà anche delle mini degustazioni delle tipicità pugliesi, nello stand che sarà attivo dall’11 al 15 giugno.

L’evento in Fiera del Levante del G7 sarà per la prima occasione nella quale, la Comunità, si presenterà in pubblico per condividere i 24 mesi di lavoro durante i quali il CIHEAM (Centre International de Hautes Études Agronomiques Méditerranéennes) con sede di Bari, ha accompagnato scientificamente la sua costituzione. Sono aggregate in una rete informale di otto aziende del settore agricolo, agroalimentare e della ristorazione unite in un caso di studio scientifico in corso di svolgimento. Il valore della proposta della Comunità è nella nuova visione consigliata dal CIHEAM che prevede una Comunità sostenibile, in quanto si propone di seguire un percorso di certificazione scientifica basata sugli indicatori di sostenibilità misurabili in tutte le fasi della catena di approvvigionamento. Il contenuto del progetto di sponsorizzazione è stato presentato a Palazzo Chigi attraverso un apposito bando:  la 'Comunità dell’economia rurale pugliese da sostenibilità certificata' è risultata ammessa all'avviso pubblico.

Il terreno sul quale coltivare accomuna tutte queste aziende della Comunità, che vogliono distinguersi per la 'sostenibilità certificata'. I rifiuti umidi, come sfalci delle coltivazioni oppure residui di cibo, vengono conferiti all’azienda Tersan Puglia di Modugno che li trasforma in fertilizzante.

Il risultato finora ottenuto in circa 24 mesi di attività sperimentale nei campi di due province ha evidenziato come, i terreni fertilizzati in questo modo, migliorino  la produzione. A ciò, si aggiunge, che alcune di queste otto aziende hanno ottenuto oppure stiano ottenendo la certificazione di carbon footprint (cioè l’impronta ecologica) che contraddistingue le aziende a sostenibilità certificata.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verso il G7, la Comunità dell'economia rurale pugliese in mostra a Bari: "Rete di aziende per la produzione sostenibile"

BariToday è in caricamento