Martedì, 27 Luglio 2021
Economia

Bridgestone, gli operai in corteo a Modugno: "La nostra fabbrica non si tocca"

Ieri la manifestazione organizzata dai lavoratori per tenere alta l'attenzione sulla vertenza in attesa del nuovo incontro al Ministero dello Sviluppo economico la prossima settimana

"La Bridgestone di Bari non si tocca": è questo lo slogan, il 'grido di guerra' degli operai dello stabilimento, ripetuto sulle magliette e sugli striscioni portati ieri in corteo per le strade di Modugno. La manifestazione, partita dalle piscine comunali, si è snodata per le strade della cittadina fino alla villa comunale. Al corteo hanno preso parte i dipendenti della fabbrica con i loro familiari e rappresentanti delle istituzioni locali.

A conclusione della manifestazione uno degli operai dello stabilimento, Giuseppe Nuzzolese, ha preso la parola ripercorrendo le tappe della vertenza, in vista del nuovo incontro al Ministero dello Sviluppo in programma la prossima settimana. "La chiusura dello stabilimento di Bari sarebbe un grosso danno sociale ed economico per la provincia di Bari e per tutta la regione. In questi anni - ha continuato - abbiamo vinto tante battaglie, dimostrando che a Bari ci sono le competenze per lavorare al meglio. Auspichiamo che nel tavolo tecnico convocato al ministero dello Sviluppo economico per il prossimo 7 maggio, si trovi una soluzione positiva per noi". "Il Governo - ha concluso Nuzzolese - lavori con la consapevolezza di una politica nuova per il mercato del lavoro".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bridgestone, gli operai in corteo a Modugno: "La nostra fabbrica non si tocca"

BariToday è in caricamento