Economia

Clinica Santa Maria, chiude servizio mensa. Cisl: "Tredici lavoratori a rischio"

L'azienda gestore del servizio ha annunciato la sospensione dell'attività per fine luglio, in anticipo rispetto alla scadenza del 31 dicembre. Ruta: "Che fine faranno i dipendenti?"

Chiude "in anticipo" il servizio mensa della Clinica Santa Maria di Bari con conseguenti lettere di preavviso di licenziamento per 13 unità lavorative. A comunicarlo è il sindacato Fisascat Cisl. L'azienda gestore del servizio, la 'Directa Plus srl', ha comunicato la formalizzazione della disdetta anticipata, la cui scadenza era prevista a fine 2016: "Questa decisione - spiega il segretario generale Fisascat Cisl Bari Miriam Ruta - si riconduce ad una sensibile e costante riduzione dei pasti dovuta alle disposizioni della nuova proprietà della struttura che con nuovo ordine di servizio ha comunicato al proprio personale di non utilizzare la mensa. Tutto ciò da quanto abbiamo appreso determina l'invio delle lettere di preavviso di licenziamento alle 13 unità attualmente in forza".

I rapporti di lavoro, dunque, termineranno a fine luglio e gli addetti potranno far richiesta della naspi "non vi è alcuno bando di gara e, relativa prosecuzione del servizio. Abbiamo da giorni inviato numerose richieste - prosegue Ruta - per la convocazione urgente di un incontro alla proprietà della clinica ed avere contezza sul futuro dell'appalto e di conseguenza sul futuro dei rapporti di lavoro. Vogliamo capire che fine faranno i 13 lavoratori dal 1° agosto? Chiediamo - conclude Ruta - la salvaguardia dei livelli occupazionali, misure volte alla salvaguardia di un patrimonio di competenze e professionalità di personale occupato nell'appalto in questione che offre il servizio da più di vent'anni". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Clinica Santa Maria, chiude servizio mensa. Cisl: "Tredici lavoratori a rischio"

BariToday è in caricamento