rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Economia Carrassi / Via Giuseppe Capruzzi

Crollo dei consumi di verdura, flash mob di Coldiretti: "Più iniziative a sostegno dei prodotti locali"

L'iniziativa davanti alla sede del Consiglio regionale, dove gli agricoltori hanno regalato verdure per denunciare il paradosso del settore: i prezzi nei campi calano, ma quelli al consumo restano sempre troppo alti. E intanto gli acquisti delle famiglie diminuiscono, mentre crescono l'importazione da altri Paesi

Verdure di stagione donate ai consiglieri regionali, per richiamare l'attenzione della politica locale sui problemi dell'orticoltura pugliese. Si è tenuta questa mattina, davanti alla sede del Consiglio regionale in via Capruzzi, il flash mob organizzato da Coldiretti Puglia. Un'iniziativa nata dalla volontà di mettere in luce la situazione paradossale vissuta dagli agricoltori: i prezzi delle verdure nei campi calano anche del 60% - denuncia Coldiretti - "ma i consumatori non lo sanno perché sui banchi di vendita di piccola, media e grande distribuzione la forbice dei prezzi dal campo alla tavola è sempre troppo larga". E intanto i consumi delle famiglie si riducono del 34%, mentre i produttori locali devono far fronte alla 'concorrenza' di prodotti provenienti da altri Paesi. 

Gli agricoltori chiedono perciò interventi di sostegno al settore attraverso campagne di comunicazione sulla sana e corretta alimentazione a base di prodotti ortofrutticoli pugliesi, favorendo la vendita dei prodotti locali nelle strutture della distribuzione organizzata.  L’orticoltura - rilvea Coldiretti - rappresenta un comparto fondamentale dell’agricoltura pugliese contribuendo con una quota di oltre il 30% alla formazione del valore aggiunto delle coltivazioni agricole. In Puglia risulta coltivato circa 1/4 della superfice complessiva nazionale destinata agli ortaggi. L’ortofrutticoltura è uno dei settori chiave dell’agricoltura pugliese, con un valore nel 2015 di 1.087.600.000 euro di Produzione Lorda Vendibile.

“Contro la crisi della quarta settimana e il crollo dei consumi – spiega il Presidente di Coldiretti Puglia, Gianni Cantele - diviene determinante il riequilibrio nei rapporti tra imprese agricole, distribuzione e consumatori con accordi e controlli per la verifica dei margini. Per questo chiediamo al Governo della Regione Puglia di avviare iniziative di sostegno con gli ipermercati e di dare corpo e sostanza alla legge che già nel 2008 aveva previsto l’obbligo dell’utilizzo nelle mense pubbliche, tramite previsione nei relativi bandi, di prodotti agricoli di origine regionale in misura non inferiore al 50%, il coinvolgimento diretto delle grandi e medie strutture di vendita che operano sul territorio regionale, anche tramite realizzazione di spazi espositivi in esclusiva, oltre all’utilizzo delle imprese esercenti attività di ristorazione o di vendita al pubblico attraverso il loro inserimento in campagne regionali di immagine, nonché disposizioni in materia di vendita diretta da parte degli imprenditori agricoli e di controlli”.

“Probabilmente non è ipotizzabile una legge che obblighi gli ipermercati – incalza il Direttore di Coldiretti Puglia, Angelo Corsetti - a vendere prodotti locali, è invece praticabile l’ipotesi di preferire, nel rilascio delle autorizzazioni, quelle strutture che nella loro organizzazione commerciale e, quindi, nel loro regolamento societario dimostrano di saper valorizzare i prodotti legati al territorio ove si individuino approvvigionamenti di prodotti tipici direttamente dalle imprese locali a vantaggio sia della regione ospitante sia dei consumatori, per cui il prezzo finale non è gravato da ulteriori costi di trasporto. In una regione come la nostra che ha la leadership nella produzione di ortofrutta bisogna assicurare la disponibilità ai consumatori di produzioni locali che non essendo soggette a lunghi tempi di trasporto garantiscono freschezza e genuinità uniche”.

In Puglia - rileva Coldiretti - arrivano carciofi dall’Egitto, angurie dalla Grecia, pomodori dal Marocco, passata di pomodoro dalla Cina, ciliegie dalla Turchia e una volta entrati diventano ‘made in Italy’. Bisogna mettere in campo ogni strumento utile ad impedire che prodotti di dubbia provenienza vengano spacciati per prodotti di qualità, quando di qualità non sono e la cui commercializzazione arreca danno all’economia regionale, mina il reddito delle imprese agricole e si traduce in una truffa per i consumatori, ignari di quello che acquistano e mangiano. Già nel 2008 la Regione Puglia aveva accolto una specifica richiesta avanzata dalla Coldiretti, nella Legge n. 38 del 19 dicembre 2008, tendente a preferire nella ristorazione collettiva, gestita dalle Istituzioni pubbliche, i prodotti “biologici e tradizionali nonché quelli a denominazione protetta ed ad indicazione geografica tipica, dando valore preminente alle tipicità della regione Puglia.

L’aumento dei prezzi dal campo alla tavola - denunciano gli operatori del settore - è favorito dalla mancanza di trasparenza nel commercio al dettaglio dove non viene rispettato l’obbligo di esporre sui cartellini, oltre al prezzo, l’origine, la varietà e la qualità della frutta e verdura in vendita previsto dalla legge per consentire ai consumatori di fare confronti omogenei e di scegliere i prodotti più convenienti. E’ stringente la necessità di chiudere la porta alle speculazioni con l’applicazione del decreto legislativo 306/02 che inasprisce le sanzioni per chi non rispetta le norme dell’Unione Europea sulla qualità e commercializzazione di frutta e verdura. L’obbligo di mettere l’etichetta sulla frutta e verdura fresca commercializzata riguarda sia i prodotti confezionati che quelli venduti sfusi per i quali possono essere utilizzati cartellini con l’indicazione della provenienza, della varietà e della categoria qualitativa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crollo dei consumi di verdura, flash mob di Coldiretti: "Più iniziative a sostegno dei prodotti locali"

BariToday è in caricamento