Comunicato sindacale dimensionamento Noicattaro

Soppressa inutilmente un'istituzione scolastica nel comune di Noicattaro

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BariToday

I sindacati del personale della scuola della provincia di Bari hanno appreso con sorpresa che la Giunta Comunale di Noicattaro nei giorni scorsi ha assunto la decisione di sopprimere un’autonomia scolastica e creare due istituti comprensivi. Tralasciando la scorrettezza istituzionale che ci ha colpiti - dato che linee guida deliberate dalla regione Puglia impongono la consultazione anche delle parti sociali, mai convocate, neanche a fronte di un’espressa richiesta, avanzata per ben due volte da parte nostra, persino a giochi già fatti - vogliamo far notare che gli interventi a gamba tesa sulle scuole non generano alcun beneficio né per i cittadini, né tanto meno per i lavoratori della scuola. Il provvedimento assunto dalla Giunta, infatti, non solo non di giustifica (i 3 istituti avrebbero tutti i numeri ragionevoli per continuare a conservare l’autonomia scolastica e proprie dirigenze), ma determinerà disservizi nell’accesso delle famiglie al servizio scolastico, generando istituti di oltre 1000 alunni più difficilmente gestibili da parte dei dirigenti e meno vicini ai bisogni della cittadinanza, come peraltro avvenuto in tutte le fusioni “a freddo” tra istituzioni scolastiche volute per legge in questi anni nella nostra provincia. Accorpamenti di scuole che nulla hanno innovato in termini di qualità dell’offerta formativa; anzi tali operazioni, condotte col vessillo della “verticalizzazione” dei curricoli, hanno soltanto appesantito e ingigantito gli istituti per un mero risparmio di spesa generato col taglio dei posti di dirigenti, direttori amministrativi, personale ATA e docente. Oggi, l’Amministrazione comunale produce un intervento identico a quello adottato dai governi nazionali precedenti e attuali che produrranno la perdita secca di due posti di lavoro (D.S. e D.S.G.A. per l’appunto), oltre a un numero non quantificabile di unità di personale ATA e, forse, docente. A questo si deve aggiungere un probabile balletto di docenti e personale ATA che per effetto dei meccanismi del dimensionamento potrebbe essere costretto a cambiare istituto con grave nocumento per il personale coinvolto e, ovviamente, per tutti gli alunni delle scuole che saranno in una graduatoria di unico dimensionamento, suscettibile di creare non pochi sconvolgimenti nelle continuità didattiche e di servizio. Ci ritroviamo, quindi, oggi a chiederci perché l’Amministrazione non ha ritenuto di ascoltare le Organizzazioni Sindacali, come peraltro era tenuta a fare, che pure avrebbero potuto offrire il proprio contributo e il proprio punto di vista su un’operazione così delicata, come accaduto in tutte le altre comunità locali della provincia. E ci chiediamo anche a chi giovi questa decisione così drastica, considerando che non ci pare di scorgere alcun vantaggio in questa operazione. Preannunciamo, a ogni buon conto, che, a tutela degli interessi di cittadini e lavoratori della scuola, su tutti i livelli in cui saremo chiamati ad esprimere pareri ci opporremo ad ogni decisione di riduzione delle istituzioni scolastiche nel comune di Noicattaro.

Torna su
BariToday è in caricamento