Si riparte e la Confcommercio di Acquaviva con l’amministrazione comunale lancia l’iniziativa “fai shopping nella tua città”

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BariToday

Si intravede la luce in fondo al tunnel in cui, da ormai più di due mesi, è precipitato il commercio. Si riparte e la Confcommercio di Acquaviva delle Fonti è soddisfatta della condivisione da parte dell’amministrazione locale sulle proposte avanzate qualche giorno fa che riguardano tra i vari punti: - la sospensione degli accertamenti del saldo della TARI relativo al 2019, l’abbattimento della TOSAP e della TARI per tutto l’anno 2020. - concessione per i Dehors di maggiori superficie per consentire una migliore e funzionale sicurezza di distanziamento sociale; - pianificazione di un incontro con gli istituti bancari locali al fine di velocizzare le istruttorie e le procedure per sostenere le imprese con le diverse linee di finanziamenti previsti; - sensibilizzazione dei proprietari dei locali commerciali a rimodulare i canoni contrattualizzati e concordare rateizzazioni delle eventuali mensilità sospese nell’attesa dell’entrata in vigore delle agevolazioni previste dal decreto governativo (Credito d’Imposta); - risorse per l’acquisto di dispostivi di protezione e per gli adeguamenti strutturali per gli esercizi commerciali e materiale di sicurezza da distribuire ai dipendenti e clienti; - utilizzo delle risorse dei DUC a sostegno delle attività commerciali come previsto dall’assessore Borraccino, oltre ad un primo anticipo dell’amministrazione comunale di € 30.000,00. La nuova iniziativa che ben coniuga sicurezza e ripresa della Confcommercio di Acquaviva in collaborazione con il sindaco Davide Carlucci si chiama “Fai shopping nella tua città”. Si riparte dunque e molte attività riapriranno, saranno molti di più i cittadini in giro, sempre di più vivibilità e sicurezza dipenderanno dal senso di responsabilità di ognuno, è per questo che abbiamo pensato di acquistare 6mila mascherine da distribuire ai commercianti, in modo che possano darle in omaggio ai clienti che consumano in bar ristoranti e/o pizzerie del posto, o fanno acquisti. “La nostra volontà- spiega Vito Abrusci delegato Confcommercio Acquaviva delle Fonti - è quella di risollevare l’economia fidelizzare i clienti, con la collaborazione di tutti coloro che nel periodo di paralisi che ha colpito l’Italia, si è rivolta ai piccoli esercizi commerciali locali che hanno continuato ad offrire servizi efficienti, rifornimenti alimentari e cure. È un esercito che pur operando in condizioni di disagio ed a contatto con un rischio nuovo e sconosciuto, ha continuato a lavorare per garantire uno scampolo di normalità in un tempo che normale non era e non lo è ancora. Sono gli uomini e le donne del nostro territorio, delle strutture commerciali dei generi alimentari, delle farmacie e parafarmacie, delle pulizie e della sanificazione che hanno supportano le nostre famiglie in questo momento di difficoltà. Il loro lavoro è importante per la vita di ciascuno di noi, ed ora tocca a rutti noi sostenerli, nella ripartenza.”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento