Confcommercio chiede alla Regione Puglia la chiusura domenicale delle attività commerciali del settore alimentare

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BariToday

In considerazione dell’emergenza sanitaria indotta dal virus Covid-19 e delle tante sollecitazioni provenienti dal mondo delle imprese, in primis quelle del settore alimentare, abbiamo inviato una nota ufficiale al Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, per chiedere l’emanazione di un’Ordinanza Regionale di chiusura domenicale di tutte le attività commerciali del settore alimentare. Si tratterebbe di una misura in grado di ridurre quasi totalmente la circolazione delle persone nelle domeniche interessate e che consentirebbe di venire incontro alle esigenze di salute di imprenditori e lavoratori garantendo loro almeno una giornata a settimana di totale chiusura. Ringraziamo le attività che sono aperte per continuare ad offrire un servizio essenziale alla cittadinanza ed al riguardo la chiusura obbligatoria alla domenica cerca di preservare anche la salute psico-fisica dei dipendenti, che stanno lavorando senza risparmiarsi. D’altro canto i consumatori avranno sei giorni su sette per fare la spesa dei prodotti necessari nel rispetto dei Protocolli sulla sicurezza in vigore. Siamo certi che le OO.SS. condivideranno tale richiesta anche perché i vari Decreti introdotti dal Governo consentono la prosecuzione delle attività commerciali per assicurare l’approvvigionamento dei beni di prima necessità. La necessità attuale è la garanzia della salute pubblica prioritariamente ad ogni logica di profitto.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento