rotate-mobile
Economia

Investimento da 16 milioni per il gruppo Master: nuovo stabilimento a Conversano e sede in Africa

L'azienda pugliese operante nel mercato globale di accessori e componentistica dei serramenti, ha realizzato nel 2021 un fatturato di 47 milioni di euro

Master, azienda pugliese leader nel mercato globale di accessori e componentistica dei serramenti, ha realizzato nel 2021 un fatturato di 47 milioni di euro, in salita del 34% rispetto all’anno precedente. Avviato un piano di investimenti da 16 milioni per il triennio 2021/2023, che comprenderà la costruzione di un nuovo stabilimento produttivo a Conversano e l’avvio di una sede distributiva ad Abidjan, in Costa d’Avorio.
Il Gruppo pugliese, leader globale nella progettazione e produzione di accessori per serramenti in alluminio, con base a Conversano, ha chiuso il 2021 con un fatturato di 47,2 milioni di euro pari al +34% in più rispetto al 2020 e +25,9% rispetto al 2019. Crescono a doppia cifra sia il fatturato in Italia (22,5 milioni di euro, +37% rispetto al 2020), trainato in particolare dagli incentivi fiscali previsti a sostegno degli interventi di efficienza energetica e ristrutturazione edilizia, che i mercati esteri (24,7 milioni euro, +31% rispetto al 2020) nei quali l’azienda sta raccogliendo i risultati dei progetti di internazionalizzazione lanciati negli anni scorsi.
A fronte di questa crescita molto positiva, il Gruppo Master ha stanziato per il triennio 2021/2023 un piano di investimenti per un valore complessivo di circa 16 milioni di euro, pari a circa il 10,4% dell’intero fatturato atteso, nonostante l’incertezza dell’attuale scenario internazionale.
I nuovi investimenti proseguiranno nel solco dell’innovazione di processo, di prodotto e digitale, nonché del made in Italy. L’azienda progetta e realizza in house il 97% della propria produzione e impiega circa 320 dipendenti (+50 assunti nel triennio considerato) nel proprio quartier generale di Conversano del quale è in corso l’ampliamento, con la realizzazione di un nuovo stabilimento produttivo di circa 12.000 mq, dal quale si otterranno un aumento della capacità produttiva e un efficientamento dei flussi logistici. 
In ambito internazionale, (Master realizza il 52% del proprio fatturato all’estero), proseguono i progetti di espansione, con l’apertura di una nuova filiale in Africa nella città di Abidjan, capitale economica della Costa d’Avorio. L’hub in West Africa rappresenta un investimento strategico per il Gruppo che punta a incrementare le quote di mercato e il presidio in quell’area geografica attesa in forte sviluppo nei prossimi anni.
La nuova sede di Abidjian si aggiunge a quella già avviata con successo a Cracovia in Polonia (Master Polska S.p.zo.o), altro presidio strategico del Gruppo Master nell’area dell’Est Europa.
«Nonostante le incertezze dovute alla fase pandemica e il momento delicato relativo al rincaro dei costi energetici e alle difficoltà nell’approvvigionamento delle materie prime, le performance economiche del Gruppo ci hanno permesso di registrare una forte crescita e buona marginalità - spiega Michele Loperfido, CEO del Gruppo Master – che premia gli sforzi e la lungimiranza del Gruppo che, anche nell’attuale complesso e incerto scenario internazionale, sta continuando ad investire nello stabilimento di Conversano, puntando con fiducia sulle risorse umane e produttive del territorio».
Il mercato italiano dei serramenti nel 2021 è cresciuto del 24,7% (le previsioni precedenti indicavano un +8,6%) e la ripresa andrà avanti anche nel 2022 con un +10,4%. Nel segmento residenziale la domanda di serramenti è cresciuta del 25,9% nel 2021 con una stima di crescita dell’11% nel 2022. Si tratta, anche in questo caso, dei valori più alti di quanto registrato negli ultimi 20 anni. Nel segmento non residenziale la crescita, di cui beneficiano sia i serramenti sia le facciate continue, è stimata al 23,1% nel 2021 e al 9,6% nel 2022 (fonte Centro Studi UNICMI). Interessanti le previsioni per il 2023 con una stima di ulteriore crescita del mercato (+6,2%) di cui residenziale al +6,7% e non residenziale al +5,6%
Resta costante l'impegno dell’azienda nei confronti del territorio, della sostenibilità ambientale e della responsabilità sociale d’impresa attraverso il programma Masterability: Master, infatti, si è affermata come modello virtuoso di economia circolare, attraverso politiche diffuse di responsabilità ambientale (Master è stata la prima azienda del settore a definire una metodologia di calcolo delle emissioni di CO2 certificata da un accordo con il Ministero della Transizione Ecologica), importanti investimenti (più del 10% del fatturato nel triennio 21/23) in R&S e innovative politiche aziendali di welfare (attività extra-lavorative e sostegno alle famiglie attraverso un programma di borse di studio per i figli dei dipendenti).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Investimento da 16 milioni per il gruppo Master: nuovo stabilimento a Conversano e sede in Africa

BariToday è in caricamento