Sabato, 19 Giugno 2021
Economia

Coopstartup, incubatore (e non solo) per le nuove imprese cooperative

Aperte le iscrizioni al progetto chi prevede il sostegno alla creazione di nuove attività imprenditoriali, in particolar modo per giovani tra i 18 e i 35 anni: supporto, consulenza e assistenza anche fino a 36 mesi dall'apertura

La cartolina del progetto, realizzata dalla startup Stampomatica

Non solo creazione di nuove imprese, ma anche accompagnamento, formazione e consulenza per superare il momento più difficile, quello di avviare un'attività, per poi proseguire con le proprie gambe. E' l'obiettivo alla base di Coopstartup Puglia, progetto di Legacoop Puglia e del fondo mutualistico Coopfond a sostegno dell'imprenditoria cooperativa in Puglia. Il programma sperimentale, permetterà di coprire le fasi iniziali della creazione di un'impresa, ma anche assistenza nei successivi 36 mesi dalla costituzione della startup.

Il bando (scaricabile qui) è rivolto a gruppi di almeno 3 persone, composti in maggioranza da giovani sotto i 35 anni, per aprire imprese cooperative in Puglia, ma possono parteciparvi quelle esistenti da non più di un anno: "L'opportunità - spiega Anna Maria Ricci, presidente della Cooperativa Informa -  nasce fondamentalmente dal Fondo della cooperazione e dalla Lega delle Cooperative Puglia. Abbiamo aperto una call in due azioni: la prima consta in laboratori d'impresa e a tutti coloro che inoltreranno la domanda e alle cooperative non attive, per imparare a trasformare un'idea in business plan. La seconda prevede la presentazione di un vero e proprio piano aziendale. Le migliori 15 idee verranno selezionate e seguite da mentori e coach per costruire l'impresa in maniera personalizzata, arrivando poi alla sua costituzione. Legacoop sosterrà costi legali e burocratici. Le imprese vengono accompagnate poi per 3 anni in tutte le loro esigenze".

Le iscrizioni alla prima azione daranno aperte dal 10 al 30 settembre, mentre la call per la seconda, a cui potranno accedere gruppi selezionati, si chiuderà il 30 ottobre. Partner del progetto, oltre a Informa, anche Qiris, Paz Lab, The Qube, Officine Cantelmo e il coordinamento Generazioni Legacoop Puglia: "Stiamo già notando grande interesse - rivela Ricci -. Qui c'è anche un' educazione maggiore rispetto alle altre regioni del Sud sulle iniziative per sollecitare i giovani. Saremmo soddisfatti se riuscissimo a costituire almeno 3-4 imprese durature, che restino nel tempo".

Per il presidente di Legacoop Puglia, Carmelo Rollo, "negli ultimi anni, la nostra regione ha dato una miriade di opportunità e la risposta dei giovani. I coraggio di mettersi in gioco è straordinario. Recentemente abbiamo proposto altri due progetti promossi da Unipol sulle startup notando una gran voglia di fare e di mettersi in gioco. E' uno degli elementi più belli. Noi, da parte nostra, con Coopstartup, aiutiamo e accompagniamo le imprese nei primi passi di approccio con il sistema finanziario e la burocrazia". Il progetto, è, in ogni caso, aperto a tutti: "Le startup - afferma Rollo - non sono solo imprese per ragazzi da 18 a 35 anni. Spero vi siano anche figure di 50enni e 60enni che si mettano a disposizione di giovani imprese, raccontando le loro storie e le loro esperienze, fornendo un importante valore aggiunto".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coopstartup, incubatore (e non solo) per le nuove imprese cooperative

BariToday è in caricamento