Mercoledì, 22 Settembre 2021
Economia

Turismo pugliese in ginocchio per il Covid: tremila posti di lavoro persi solo ad aprile, 300 milioni di fatturato in fumo per il 2020

L'impatto devastante della crisi Coronavirus secondo i dati elaboratori dal Centro Studi di Federalberghi: secondo le stime, quest'anno le presenze saranno circa 10,3 milioni in meno. "Molti operatori si chiedono se sia il caso di riaprire"

Il turismo pugliese, e con esso il settore dell'accoglienza alberghiera, messi in ginocchio dalla crisi Covid-19. I numeri elaborati dall'Osservatorio Federalberghi descrivono un "impatto devastante", con dati "allarmanti" e stime per il 2020 "altrettanto catastrofiche".

Il crollo delle presenze, la perdita di fatturato e posti di lavoro

Dopo la prima contrazione di febbraio per gli stranieri (-25,3%), a marzo è arrivato il tracollo delle presenze con un -96,3% per gli stranieri e un -89,4% per gli italiani. Ad aprile il mercato si è completamente bloccato con un -92,8% in totale.  Nello stesso mese sono andati persi 3,2 mila posti di lavoro stagionali con un -77,8%. Le stime per il 2020 sono molto allarmanti: le presenze totali saranno circa 10,3 milioni in meno  (-68,2%) e il fatturato del comparto ricettivo registrerà una perdita di 300 milioni (-68,6%). «L’impatto del Covid-19 sul sistema dell’ospitalità pugliese è stato devastante – commenta Francesco Caizzi, presidente della Federalberghi – I dati del nostro Centro Studi, elaborati con riferimento al 2018, ci fanno rabbrividire. Il tracollo di marzo (-96,3% per gli stranieri e -89,4% per gli italiani) e la definitiva disfatta di aprile (-92,8% in totale) hanno provocato la perdita di circa 3,2 mila posti di lavoro stagionali. Per i mesi estivi sono a rischio circa 7 mila posti di lavoro temporaneo e, una volta finita la cassa integrazione, avremo forti problematiche anche sui contratti a tempo indeterminato.» 

I dubbi degli albergatori: senza misure adeguate inutile riaprire

«Tutto questo – prosegue Caizzi - comporterà nel 2020 la perdita di oltre 10,3 milioni di presenze (-68,2%), con un calo di fatturato del settore ricettivo pari a quasi 300 milioni di euro (-68,6%), come se 13,8 mila persone non percepissero lo stipendio per un anno. Le previsioni per quest’anno sono angoscianti. Le presenze dei turisti stranieri caleranno di 3,1 milioni rispetto agli oltre 3,5 milioni del 2018, praticamente meno di un ottavo. Le presenze italiane saranno un terzo di quelle del 2018 con una perdita di circa 7,2 milioni di pernottamenti. Per i mesi estivi, dunque, possiamo solo aspettarci una lentissima ripresa del turismo interno, mentre la domanda straniera continuerà a essere praticamente nulla.» «Ci stiamo chiedendo quando e come potremo riaprire – conclude il leader degli albergatori pugliesi – Ma molti di noi si chiedono se sia il caso di riaprire. Noi ovviamente continuiamo a batterci sul territorio e a livello nazionale perché vogliamo riaprire, ma potremo farlo solo se i provvedimenti annunciati, molti dei quali da modificare, e quelli che verranno, daranno sostegno e liquidità alle imprese. Sicuramente non saranno misure sbagliate come il bonus vacanza a farci risollevare. Il nostro memorandum per la resilienza prevede aiuti diretti per le imprese che hanno subito un calo di fatturato, tutele specifiche per le imprese in affitto, interventi sulle imposte locali e nazionali, potenziamento e accelerazione dell’erogazione del credito, proroga della cassa integrazione, esonero dalla responsabilità per le imprese che applicano i protocolli anti-contagio e, soprattutto, regole e imposizioni sostenibili economicamente e che non trasformino i nostri alberghi in ospedali. Anche il capo della task force pugliese, Pierluigi Lopalco, ha giustamente affermato che “il turismo non può essere medicalizzato”.»
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Turismo pugliese in ginocchio per il Covid: tremila posti di lavoro persi solo ad aprile, 300 milioni di fatturato in fumo per il 2020

BariToday è in caricamento