menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'impatto devastante della crisi coronavirus sull'economia pugliese: 69mila posti di lavoro e ventimila aziende in meno

Secondo i modelli previsionali di Unioncamere il totale delle imprese, nel 2021, potrebbe scendere a 359mila. Si dovrà attendere il 2025 per ritornare ai valori attuali

Ventimila imprese in meno con una perdita di 69mila posti di lavoro: è l'impatto devastante, previsto dal 'Sismografo' di Unioncamere Puglia, che si potrebbe verificare nella regione a causa dell'emergenza coronavirus

Secondo i modelli previsionali di Unioncamere il totale delle imprese, nel 2021, potrebbe scendere a 359mila. Aumenteranno anche per procedure procedure concorsuali (31mila) e le liquidazioni (71mila) per  un dato che andrà poi a rimpolpare l’andamento delle cancellazioni negli anni successivi al 2021. Quest'andamento sarà spalmato negli anni a venire: un terzo nel 2020, 2 terzi nel 2021 e andamento negativo con picco tra 2022 e prima metà 2023. Per tornare ai numeri attuali bisognerà aspettari il 2025. 

I settori più in difficoltà saranno attività edili, minerarie, commercio all’ingrosso e al dettaglio, turismo (servizi di alloggio e ristorazione, agenzie viaggi). All’interno del comparto manifatturiero, notevole l’influsso negativo su meccanica, mobili e moda. Le attività che registreranno un minor impatto saranno probabilmente chimica, elettronica, farmaceutica e –con qualche problema in più- agricoltura, pesca e servizi di informazione e comunicazione.

La Cgil: "Serve forte intervento dello Stato"

Il rapporto di Unioncamere Puglia è stato commentato dal segretario generale Cgil regionale, Pino Gesmundo, che chiede un "forte intervento dello Stato anche attraverso il sostegno dell’Europa a favore del sistema produttivo, dei lavoratori, per affrontare le emergenze sociali che emergono e si sommano ai già preoccupanti indici di povertà esistenti nei nostri territori”. 

“È evidente come alcuni comparti soffriranno più di altri, pensiamo al turismo e al suo indotto. e non crediamo sia un caso invece se tra quelli che soffriranno meno vi sono settori fortemente innovativi -continua Gesmundo -. Nello studio tra le variabili che influiranno su queste stime preventive viene indicata la consistenza e facilità di fruizione delle risorse che a ogni livello saranno messi a disposizione del sistema produttivo. Abbiamo un tessuto produttivo dove prevalgono le piccole imprese, quasi 500mila dipendenti pugliesi lavorano in realtà con massimo 9 addetti. Attività che hanno minori strumenti finanziari, manageriali e tecnologici per ripartire di slancio. Allora questa può e deve essere un’occasione per tutto il sistema anche per riorientarsi verso un modo nuovo di produrre, rispetto a organizzazione, lavoro e sostenibilità, ma anche verso settori diversi, innovativi e più competitivi, ad esempio raccogliendo nel manifatturiero la sfida della digitalizzazione”. conclude il segretario generale Cgil Puglia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento