Mercoledì, 23 Giugno 2021
Economia

Ok a vendita online e consegna a domicilio per i dettaglianti di materiale scolastico, Conferesercenti fa chiarezza

Le spiegazioni in una nota a firma della presidente Raffaella Altamura, che, attraverso una formale istanza, ha chiesto chiarimenti alla Prefettura di Bari su quanto previsti dal Dpcm dell'11 marzo

"Anche i commercianti addetti alla vendita al dettaglio di libri e materiale scolastico e di cancelleria (cartolibrerie e librerie) sono autorizzati alla vendita a distanza mediante i social e alla consegna a domicilio come sancito per le categorie di cui all’art. 1 punto 2) del DPCM". Lo comunica la Confesercenti Terra di Bari dopo aver ricevuto chiarimenti dall’Ufficio di Gabinetto della prefetta Antonia Bellomo alla quale l’Associazione di categoria ha rivolto formale istanza per meglio interpretare il DPCM dell’11 marzo in relazione alla voce ‘Commercio al dettaglio di qualsiasi tipo di prodotto effettuato via internet’.

"Il chiarimento ricevuto dalla Prefettura di Bari è dirimente per una categoria commerciale di prossimità che va incontro alle esigenze di molte famiglie che hanno la necessità di reperire libri e materiale di cancelleria perché sono alle prese con la didattica a distanza e l’intrattenimento in casa dei più piccoli. E non discriminante rispetto ai colossi dell’online per i quali le vendite non si sono mai fermate", spiega Raffaella Altamura, presidente Confesercenti Terra di Bari, la quale aggiunge che "è fondamentale - per contenere il contagio - il rispetto delle norme di sicurezza ed igiene previste dalle prescrizioni ed è consentita la consegna a domicilio degli articoli prenotati online e non l’apertura dell’esercizio commerciale pena sanzioni".

"La Confesercenti Terra di Bari, in un momento di difficoltà storica come quello che stiamo vivendo, sebbene a distanza, non fa mancare il proprio servizio rivolto agli associati e alle amministrazioni", conclude.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ok a vendita online e consegna a domicilio per i dettaglianti di materiale scolastico, Conferesercenti fa chiarezza

BariToday è in caricamento