menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Per il lavoro e lo sviluppo", in migliaia al corteo dei sindacati

Questa mattina la manifestazione organizzata dai sindacati: diecimila, secondo gli organizzatori, i partecipanti che hanno sfilato per le vie del centro con striscioni e bandiere

Hanno attraversato le vie del centro con striscioni e bandiere, per ritrovarsi in piazza Prefettura per il comizio finale. Circa diecimila, secondo i sindacati, le persone che questa mattina hanno partecipato alla manifestazione promossa da Cgil, Cisl e Uil "Per il lavoro, lo sviluppo, la qualita' della vita in Puglia". Lavoratori, pensionati e rappresentanti sindacali provenienti da tutte le province pugliesi hanno partecipato alla mobilitazione per richiamare l'attenzione sulla crisi economica e sulle politiche del governo, ritenute ancora insufficienti a garantire la ripresa.

"In Puglia vecchie e nuove crisi attendono risposte - ha detto il segretario generale della Cgil Puglia Gianni Forte -  Da qui la ripresa non riusciamo a vederla. E il governo che fa? Toglie al sud 3,5 miliardi dal fondo di coesione per finanziare le assunzioni del Jobs Act che avverranno magari al nord. Si toglie ai deboli per dare a chi sta meglio. Il governo non può ignorare il grido di allarme del sud che é scomparso dall'agenda politica del Paese. Occorre meno confronto con le lobby e più dialogo con chi rappresenta l'interesse generale. Senza sostenere lo sviluppo del sud il Paese non ha futuro e non esce dalla crisi. Il Governo cambi rotta".

Giuseppe Farina, segretario confederale Cisl, ha sollecitato "investimenti e crescita" e "attorno a questa centralita' - ha detto - il Governo costruisca un percorso comune, con le forze sociali e con il Parlamento, trovando le risorse da investire insieme ad una politica industriale per la crescita del Paese".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento