menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sì a più smart working in Puglia per rafforzare la zona rossa, le associazioni di categoria: "Ridurre occasioni di contagio Covid"

Accolto l'invito della Regione a potenziare quanto più possibile il lavoro 'agile' per limitare gli effetti dei contagi implementando, di fatto, ulteriori restrizioni in zona rossa, come chiesto nei giorni scorsi dal governatore Michele Emiliano

"Si invitano tutte le imprese con unità produttive site nel territorio pugliese a ricorrere il piu' possibile, nel rispetto della vigente normativa di legge e contrattuale e laddove cio' sia compatibile con il ciclo produttivo aziendale, all'utilizzo dello smart working al fine di ridurre le possibili occasioni di contagio in ambito lavorativo ma, soprattutto, per ridurre la circolazione del personale ove ciò non sia strettamente necessario": è quanto riportato nell'avviso sottoscritto da  da ConfartigianatoImprese, Cna, Confindustria, Confcommercio, Confesercenti, Confcooperative, Legacoop, Confapi, Casartigiani, Claai, Coldiretti, Confagricoltura, Cia, Copagri e Cgil, Cisl e Uil della Puglia che hanno accolto l'invito della Regione a potenziare quanto più possibile il lavoro 'agile' per limitare gli effetti dei contagi Covid implementando, di fatto, ulteriori restrizioni in zona rossa, come chiesto nei giorni scorsi dal governatore Michele Emiliano

Nell'avviso si invitano "le Prefetture e le autorità preposte al presidio del territorio, al monitoraggio continuo ed all'adozione di adeguate e concrete azioni di controllo finalizzate ad evitare che gli sforzi e gli ulteriori sacrifici richiesti a lavoratrici, lavoratori e imprese pugliesi vengano vanificati da diffusi atteggiamenti di refrattarietà alle regole".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento