rotate-mobile
Mercoledì, 1 Febbraio 2023
Economia

Dati Istat 2022, in Puglia crescono l'occupazione e l'export: "Superati i dati pre pandemia"

Le analisi statistiche segnalano l'aumento dei posti di lavoro: nel terzo trimestre del 2022 salgono di 27mila unità rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, una performance che colloca la Puglia al primo posto nel Mezzogiorno e al quarto posto in Italia

Più 27mila occupati ed esportazioni in crescita del 18,8%: la Puglia riesce a crescere nonostante la crisi internazionale e il caro energia. Ad attestarlo è l’Istat che ha inserito nella propria banca dati i numeri relativi all’occupazione delle regioni italiane al terzo trimestre del 2022 oltre ai valori export delle regioni italiane aggiornati ai primi nove mesi del 2022.

L’occupazione nel terzo trimestre del 2022 aumenta di 27mila unità rispetto allo stesso trimestre del 2021 (totalizzando 1,272 milioni di occupati rispetto a 1,245 milioni del periodo giugno-settembre dell’anno scorso), una performance che colloca la Puglia al primo posto nel Mezzogiorno e al quarto posto in Italia dopo Toscana, Veneto e Lombardia. Il segno più riguarda sia la crescita tendenziale (rispetto al terzo trimestre del 2021) che quella congiunturale (+2000 occupati rispetto al trimestre immediatamente precedente cioè aprile-giugno 2022). Dato, quest’ultimo, che coinvolge solo 3 regioni in tutta Italia: Trentino Alto Adige, Toscana e Puglia.

Quanto allo sviluppo sui mercati esteri, nel periodo gennaio-settembre 2022 la Puglia ha realizzato un aumento del fatturato export del 18,8%, in termini assoluti si tratta di 7,566 miliardi, cioè oltre 1,198 miliardi in più rispetto ai primi nove mesi del 2021, quando le esportazioni totalizzarono il valore di 6,368 miliardi.

"Abbiamo superato i dati pre-crisi sanitaria -, ha sottolineato l’assessore allo Sviluppo economico della Regione Puglia, Alessandro Delli Noci - Prima della pandemia, nel 2019, la Puglia mise a segno la performance export più alta dall’anno 2000. Se paragoniamo il valore delle esportazioni nei primi nove mesi di quell’anno, pari a 6,627 miliardi, rispetto ai nove di oggi, vediamo una crescita che sfiora il miliardo. Benché in generale la dinamica positiva dell’export sia condizionata dal rialzo dei prezzi degli ultimi mesi, considerando il contesto di enorme difficoltà a livello internazionale che stiamo vivendo, il trend pugliese sui mercati esteri è un dato incoraggiante".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dati Istat 2022, in Puglia crescono l'occupazione e l'export: "Superati i dati pre pandemia"

BariToday è in caricamento