Venerdì, 30 Luglio 2021
Economia

Chef baresi in trasferta a Torino, i sapori di Puglia al Salone del Gusto

Presentata l'iniziativa sostenuta da Provincia e Camera di Commercio di Bari: per quattro giorni i cuochi baresi saranno ospiti di due ristoranti torinesi per far degustare piatti tipici locali

L'enogastronomia barese alla conquista di nuovi estimatori. L'occasione è il Salone del Gusto di Torino, uno dei più importanti appuntamenti dedicati al cibo, in programma dal 25 ottobre al 28 ottobre. L'iniziativa, presentata oggi in conferenza stampa, si chiama "4 Giorni fuori Salone", ed è promossa dall’associazione Propapilla e Radici Wines, con il sostegno di Provincia e Camera di Commercio di Bari.

Per quattro giorni gli chef baresi della “Masseria Barbera” di Minervino Murge saranno ospiti dei ristoranti “Cantine Risso” e “Mamma Licia”, per offrire, mediante degustazioni, un’ampia scelta di prelibati prodotti enogastronomici tipici. Gli chef dei ristoranti torinesi eseguiranno le ricette suggerite dai colleghi di “Masseria Barbera” nel rispetto dei segreti e trucchi del mestiere per realizzare ad regola d'arte i piatti tipici della tradizione barese. Ma non mancheranno neppure le occasioni di sperimentare nuovi piatti, dando vita a 'fusioni' tra le due tradizioni gastronomiche locali: come bel caso degli agnolotti ripieni di cime di rape, con pomodorini penduli e soffritto di acciughe. Gli agnolotti, così come l’uso delle acciughe, fanno parte della tradizione piemontese mentre, il resto, è lasciato alla tipica espressione di quella barese. Ad accompagnare le portate, i vini pugliesi, da vitigno autoctono, selezionati da Propapilla e Radici Wine. A fine pranzo, ogni cliente riceverà prodotti tipici del capoluogo pugliese selezionati tra le eccellenze del territorio.

"Il sostegno della Provincia di Bari - ha affermato il Presidente Francesco Schittulli - in favore di questa iniziativa è incanalato nell’incrementare la diffusione, a livello nazionale ed istituzionale, del nostro patrimonio gastronomico. Il cibo non è solo sapore e gusto. Siamo gli ambasciatori, nel mondo, di una eccellente cultura culinaria portatrice di effetti positivi sulla salute e su una migliore qualità della vita.  Ed è in questa direzione che dobbiamo esprimerci facendo valere la nostra superiorità in campo alimentare. Non dimentichiamo che la nostra dieta mediterranea si è affermata, oltre che per le sue rinomate qualità, soprattutto come arma fondamentale per contrastare l’insorgenza di numerose patologie oncologiche E’, dunque, nostro dovere diffondere oltre confine una dieta sostenibile che possa essere inserita, a regime, nel sistema alimentare urbano".

Per il Presidente della Camera di Commercio di Bari, Alessandro Ambrosi, il sostegno all’iniziativa si può definire: "Un viaggio nelle identità agroalimentari dei territori, con il cibo che fa da medium e guida per entrare nella storia di queste realtà del gusto, un gusto eccellente. I prodotti della nostra Terra rispettano il circolo virtuoso delle buone pratiche, la sostenibilità ambientale e la tracciabilità dei prodotti, a salvaguardia della tradizione. Le cucine sono da sempre il cuore pulsante di rituali domestici che si perpetrano oggi nei ristoranti, dove i piatti tipici trovano nuove interpretazioni e presentazioni artistiche. Gli chef sono testimonial di questa cura, di un cibo che si fa sempre più cultura del vivere buono e sano di interi territori".

Durante la quattro giorni, inoltre, non mancherà l’occasione per far incontrare la tradizione enogastronomica torinese con quella barese, in un connubio di patrimoni culturali e di professionalità, per il solo piacere di far conoscere e far gustare.

Un piatto di “fusione” tra le diverse culture: gli Agnolotti ripieni di cime di rape, con pomodorini penduli e soffritto di acciughe.

Gli Agnolotti, così come l’uso delle acciughe, fanno parte della tradizione piemontese mentre, il resto, è lasciato alla tipica espressione di quella barese. Ad accompagnare le portate, i vini pugliesi, da vitigno autoctono, selezionati da Propapilla e Radici Wine.

A fine pranzo, ogni cliente riceverà prodotti tipici del capoluogo pugliese selezionati tra le eccellenze del territorio.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chef baresi in trasferta a Torino, i sapori di Puglia al Salone del Gusto

BariToday è in caricamento