Economia contrada Sgarrone

Altamura, la masseria confiscata alla mafia affidata all'Istituto alberghiero Majorana

E' il primo caso in Italia: a gestire la struttura saranno studenti in stage e neodiplomati dell'istituto alberghiero barese contrattualizzati dalla Cooperativa Majorana, creata per volere della dirigente scolastica

L'albergo-masseria confiscato alla criminalità locale diventa un luogo di formazione al lavoro. L'iniziativa - la prima del genere in Italia - scaturisce dalla decisione del Tribunale di Bari Sezione Misure di Prevenzione, che ha affidato agli studenti dell'istituto alberghiero barese "Majorana" la gestione della "Dimora del Barone" di Altamura.

La struttura sarà riaperta e inaugurata il prossimo 26 giugno alle 20.30. Il personale sarà composto da studenti in stage e da neodiplomati dell’istituto contrattualizzati dalla Cooperativa Majorana, creata per volere della dirigente scolastica, Paola Petruzzelli, con una sperimentazione che permetterà ai ragazzi di fare esperienza ponendosi sul mercato del lavoro con un curriculum già di tutto rispetto.

Dopo aver concesso agli studenti all’ISS Majorana la possibilità di gestire il bene confiscato, la stessa Presidente delle Misure di Prevenzione si è adoperata per consentire lo sviluppo di una sinergia tra le imprese edili sottoposte a confisca e il Majorana al fine di poter riqualificare il bene, chiuso da più di due anni, al minor costo possibile, in modo da mantenere inalterato il livello occupazionale delle imprese confiscate. La “Bancapulia S.p.A.” ha concesso un contributo economico per l’evento e si è impegnata per un ulteriore intervento finanziario, a sostegno dell’iniziativa della scuola e dei ragazzi al fine di favorire il loro inserimento nel mondo del lavoro.

Alla cerimonia d’inaugurazione interverranno: il prefetto di Bari, Antonio Nunziante; la presidente della Terza sezione penale Misure di Prevenzione del Tribunale di Bari, Francesca La Malfa; il sottosegretario alla Pubblica istruzione, Angela D’Onghia; l’assessore al Diritto allo studio e formazione della Regione Puglia, Alba Sasso; l’assessore all’assessorato sviluppo economico Loredana Capone; il direttore dell’Ufficio scolastico regionale, Franco Inglese; il sottosegretario al Lavoro, Massimo Cassano; l’ex presidente del Consiglio dei Ministri, Massimo D’Alema, il sindaco di Altamura, Mario Stacca; il sindaco di Bari, Antonio Decaro; numerosi rappresentanti della commissione antimafia e dell’associazione “Libera” oltre agli sponsor.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Altamura, la masseria confiscata alla mafia affidata all'Istituto alberghiero Majorana

BariToday è in caricamento