Economia

Earth day: ecco i numeri dei chioschi dell'acqua in Italia

In occasione della Giornata Mondiale della Terra, AQUA ITALIA (Associazione delle aziende costruttrici e produttrici di impianti per il trattamento delle acque primarie, federata ad ANIMA - Confindustria), presenta i dati della nuova ricerca CRA 2012 relativi alla “propensione all'utilizzo dei Chioschi dell'Acqua”.

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BariToday

 

Il 22 aprile si festeggia in tutto il mondo la Giornata Mondiale della Terra (Earth day), ricorrenza istituita dalle Nazioni Unite nel 1992 per sottolineare la necessità di proteggere il nostro Pianeta e di sensibilizzare il grande pubblico sulle tematiche ambientali e stimolarli a partecipare attivamente a sostegno dell'ambiente.

 

AQUA ITALIA è da sempre impegnata a promuovere una "cultura dell'acqua" consapevole e, in quest'ottica, dal 2006 svolge periodicamente una fotografia del panorama italiano per conoscere le abitudini di consumo di acqua potabile del rubinetto trattata e non. In particolare, per la seconda edizione, la ricerca CRA Nielsen 2012 si è concentrata ad analizzare anche l'interesse degli italiani verso i cosiddetti Chioschi dell'Acqua, evoluzione delle antiche fontanelle, che oggi erogano in numerosi comuni d'Italia acqua potabile affinata, refrigerata e gassata.

 

Dall'analisi è emerso che il 53,5% degli intervistati conosce l'esistenza del servizio e, nel dettaglio, il 16,4% di questi vive in un comune che possiede un Chiosco dell'Acqua e il 37% vive in una località che non lo possiede ma se fosse proposta l'iniziativa, aderirebbe di certo.

 

Come registrato nella precedente edizione della ricerca CRA 2010, tra coloro i quali non hanno nel proprio comune questo servizio a disposizione, il 25,8% dichiara che se la sua Amministrazione comunale aderisse all'iniziativa, lo utilizzerebbe di certo. Il sud Italia registra, in questo senso, il dato più alto con il 33,4% degli intervistati che gradirebbe un Chiosco dell'Acqua nella zona di residenza.

 

Il nord ovest è la zona più virtuosa dove la conoscenza del servizio è cresciuta dal 51% registrato nel 2010 al 67,1% dell'anno corrente. Al contrario nel nord est il 60,4% degli intervistati dichiara di non conoscere l'iniziativa e il 29,3% dichiara che anche in caso di adesione del proprio comune non lo utilizzerebbe ugualmente.

 

L'utilizzo dei Chioschi dell'Acqua è maggiore tra chi beve sempre o quasi l'acqua potabile, trattata e non, a casa propria e cresce tra coloro i quali la bevono occasionalmente (4,1% contro l'1,4% nel 2010)

 

Dati entusiasmanti che confermano la tendenza rilevata già negli anni scorsi e che confermano il fatto che si sia diffuso il desiderio di valorizzare le risorse idriche presenti sul territorio aumentando così la sensibilità dei cittadini verso una nuova e moderna cultura dell'acqua.

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Earth day: ecco i numeri dei chioschi dell'acqua in Italia

BariToday è in caricamento