Economia

Benzina, la Regione elimina la tassa ma gli sconti non si vedono

Nonostante la cancellazione dell'Irba decisa da via Capruzzi i prezzi dei carburanti restano uguali, e dal consiglio regionale parte una proposta: denunciare a Finanza e Codacons i gestori che non hanno decurtato l'accisa

L'accisa regionale sulla benzina (Irba) non esiste più, ma la cancellazione approvata all'unanimità dal Consiglio regionale poco prima di Natale non sembra aver avuto effetti sui prezzi dei carburanti in Puglia. Quello sconto di 2,5 centesimi di euro al litro che la decurtazione dell'accisa avrebbe dovuto comportare, infatti, per ora sembra essere soltanto un miraggio.

FINANZA IN CAMPO PER I CONTROLLI - La situazione poco chiara sta facendo sì che da più parti, in via Capruzzi, si stia levando la richiesta di avviare dei controlli per garantire che l'eliminazione dell'accisa provochi una reale diminuzione dei prezzi e non venga invece 'assorbita' nei guadagni dei gestori. Tra le iniziative lanciate in queste ore, quella del consigliere regionale Pd Epifani, il quale ha proposto di "denunciare alla Guardia di Finanza e al Codacons la beffa delle compagnie petrolifere e dei gestori dei distributori di carburante che non hanno ancora decurtato dal costo della benzina l'Irba".

Una proposta che ha ottenuto l'appoggio anche degli altri gruppi consiliari. "Concordo con la richiesta di avviare con tutti gli strumenti a disposizione, ivi compresa l’attivazione della Guardia di Finanza, i necessari controlli per evitare quella che sembrerebbe un’autentica beffa”, ha dichiarato Michele Losappio, capogruppo di Sel alla Regione. "Ci auguriamo che sia davvero solo questione di ore, - ha detto il capogruppo Pdl Rocco Palese - come dichiarano alcuni gestori, e che il ritardo di un giorno nel recepimento dei ribassi sia dovuto solo al fatto che il 1° gennaio è un festivo".  "Ma per essere certi che tutti i gestori recepiscano l’eliminazione dell’accisa regionale sulla benzina, - ha aggiunto - crediamo sia opportuno che la Regione attivi una rete di controlli e, magari, anche un sistema per informare capillarmente ed adeguatamente tutti i gestori di quanto stabilito dal Consiglio con il Bilancio di previsione 2013 e poi per farsi segnalare anche dai cittadini casi di gestori che non si adeguano a quanto stabilito".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Benzina, la Regione elimina la tassa ma gli sconti non si vedono

BariToday è in caricamento